Home > Riviste > Minerva Ophthalmology > Fascicoli precedenti > Minerva Ophthalmology 2021 June-December;63(2-4) > Minerva Ophthalmology 2021 June-December;63(2-4):18-23

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

REVIEW   Free accessfree

Minerva Ophthalmology 2021 June-December;63(2-4):18-23

DOI: 10.23736/S2785-1265.22.01845-6

Copyright © 2022 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Sindrome dell’occhio secco e chirurgia della cataratta: il ruolo della vitamina D

Elena OLIARO

University of Turin, Turin, Italy



La moderna chirurgia della cataratta con l’utilizzo di incisioni di modeste dimensioni offre un’eccellente qualità con risultati clinici estremamente soddisfacenti accompagnati da una rapida ripresa post-operatoria e da un ridotto rischio di complicanze. Nonostante le innovazioni tecnologiche nella chirurgia della cataratta nell’ultimo mezzo secolo abbiano determinato un impatto positivo sulla qualità della vita (QOL) in milioni di individui in tutto il mondo, purtuttavia possono presentarsi potenziali complicanze le quali possono essere responsabili di alterazioni del visus. La sindrome dell’occhio secco risulta una patologia in aumento percentuale: i soggetti con un’età superiore ai 50 anni possono esserne affetti con una percentuale compresa tra il 20% ed il 30% con un’incidenza quasi doppia negli individui di sesso femminile. L’attuale pandemia di SARS-CoV-2 può aggravare la sindrome dell’occhio secco in quanto la mascherina utilizzata per la protezione dal virus può causare disturbi alla vista. Per il trattamento della sindrome dell’occhio secco iatrogena post-operatoria si sono dimostrati molto efficaci i sostituti lacrimali con azione antiossidante senza conservanti. In particolare formulazioni contenenti estratto di ginkgo biloba, contenente specifiche sostanze quali procianidine, prodelfinine e terpeni hanno dimostrato un’attività citoprotettiva nei confronti delle cellule sottoposte a stress fotoablativo, contribuendo ad un più rapida e regolare rigenerazione del plesso nervoso subepiteliale cosi come l’utilizzo topico di colliri a base di principi attivi quali vitamina D, vitamina A, acidi grassi omega 3 e liposomi possano essere in grado di ridurre il discomfort post-operatorio specie correlato con la sindrome dell’occhio secco.


KEY WORDS: Cataratta; Sindrome dell’occhio secco; Chirurgia oftalmica; Vitamina D

inizio pagina