Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > Articles online first > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2022 Jul 08

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

Recommendations and guidelines   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2022 Jul 08

DOI: 10.23736/S1825-859X.22.00147-5

Copyright © 2022 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Gonadotropine ipofisarie e infertilità

Ottavia PORZIO

UOC Laboratorio Analisi Cliniche, Dipartimento di Medicina Sperimentale, IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Università degli studi di Roma Tor Vergata, Roma, Italia


PDF


Le gonadotropine regolano la funzione gonadica favorendo la produzione di steroidi sessuali e la gametogenesi. La loro secrezione è sotto il controllo del fattore di rilascio delle gonadotropine (GnRH) fin dalla 20a settimana di gestazione. Al momento della pubertà, l’attivazione della pulsatilità del GnRH determina l’increzione delle gonadotropine, con conseguente marcato aumento del rapporto LH/FSH. Nella donna durante l’età fertile, la secrezione di FSH e LH è ciclica e regola il ciclo mestruale; nell’uomo, l’LH stimola la produzione di testosterone dalle cellule del Leydig del testicolo mentre l’FSH stimola la componente tubulare delle cellule del Sertoli, contribuendo alla regolazione della spermatogenesi. Il dosaggio delle gonadotropine trova la sua principale applicazione clinica nello studio dell’ipogonadismo ipogonadotropo o ipergonadotropo, nella pubertà precoce, nella sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) e nella valutazione della riserva ovarica. In ambito clinico sono impiegati solo metodi immunometrici a sandwich di tipo automatico, che risultano essere rapidi, precisi, specifici e di elevata sensibilità. La loro calibrazione è complessa, perché non è possibile produrre dei calibratori che rispecchino l’eterogeneità delle molecole di LH e FSH presenti in circolo: gli standard internazionali più utilizzati per la calibrazione dei kit commerciali sono il 2° IRP 78/549 per l’FSH e il 2° IS 80/552 per LH. Nonostante la cross-reattività verso la β subunità dell’LH e dell’FSH sia ad oggi <1%, è importante tenere presente che metodi analitici diversi possono dare valori diversi di oltre il 50%, anche quando calibrati con lo stesso materiale di riferimento.


KEY WORDS: Luteinizing hormone (LH); Follicle-stimulating hormone (FSH); Hypogonadism; Puberty

inizio pagina