Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > Articles online first > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Feb 10

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

 

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Feb 10

DOI: 10.23736/S1825-859X.21.00089-X

Copyright © 2021 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La calprotectina sierica: marcatore emergente di artrite reumatoide

Maria INFANTINO , Mariangela MANFREDI

Laboratorio di Immunoallergologia, Ospedale San Giovanni di Dio, Firenze, Italia


PDF


Studi recenti hanno messo in evidenza come la calprotectina sierica possa essere considerata un marcatore emergente di infiammazione e di risposta alle terapie con farmaci biologici. La molecola è coinvolta nel reclutamento delle cellule infiammatorie attraverso l’interazione con le cellule endoteliali e riflette il grado di infiammazione locale nelle articolazioni piuttosto che l’infiammazione a livello sistemico. Rispetto ai marcatori di fase acuta tradizionali (PRC e VES), la calprotectina sierica si è dimostrata essere un marker sensibile di risposta al trattamento. E’ sempre maggiore l’evidenza che i livelli di calprotectina sierica sono associati ai parametri clinici, laboratoristici ed ecografici di attività di malattia nell’artrite reumatoide (AR). Alti livelli di calprotectina sierica sono associati alla AR in fase attiva e al fallimento terapeutico. Inoltre possono predire un danno erosivo futuro. Studi sulla standardizzazione del test della calprotectina sierica sono necessari in relazione a importanti variabili quali ad esempio la matrice utilizzata, i valori di riferimento e i cutoff decisionali.


KEY WORDS: Serum calprotectin; Rheumatoid arthritis; Marker

inizio pagina