Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > Articles online first > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Sep 07

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

 

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Sep 07

DOI: 10.23736/S1825-859X.20.00062-6

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

I biomarcatori di carenza marziale: nuove acquisizioni fisiopatologiche e necessità interpretative

Fabrizio PAPA 1 , Valentino MICONI 2, Bruno BIASIOLI 2, Anna M. CENCI 2, Maria GOLATO 2

1 U.O.C. di Patologia Clinica Ospedale “San Giovanni Calibita” Fatebenefratelli Isola Tiberina, Roma, Italia; 2 SIPMeL, Castelfranco Veneto, Treviso, Italia


PDF


Il ferro è il quarto elemento più abbondante nella crosta terrestre, costituisce un componente essenziale di quasi tutti i sistemi biologici ed è vitale per l’uomo, svolgendo un ruolo cruciale nel trasporto dell'ossigeno, nel metabolismo ossidativo, nella proliferazione cellulare e in molte reazioni catalitiche. Il suo metabolismo è uno dei processi più complessi. Coinvolge molti organi e tessuti, l’interazione con i quali è fondamentale per mantenerne l'omeostasi. La comprensione di tali meccanismi è migliorata grazie al contributo della ricerca scientifica che ha portato alla scoperta e alla caratterizzazione di proteine che ne regolano la fisiologia e svolgono un ruolo importante anche nella patogenesi delle malattie da carenza marziale che rappresenta un grave problema di salute sociale e globale e una delle principali condizioni di malattia non fatale in tutto il mondo. Nonostante debba essere di frequente gestito nella pratica clinica quotidiana, lo stato carenziale è spesso misconosciuto o trascurato, specialmente in pazienti che presentano condizioni infiammatorie, in parte a causa dell'eterogeneità delle definizioni fornite dalle linee guida cliniche, in parte per la difficoltosa interpretazione dei test disponibili. Scopo della presente revisione è di mettere in luce le migliori evidenze per il corretto utilizzo dei biomarcatori di carenza marziale oggi a disposizione e di evidenziare la corretta gestione di soglie cliniche e/o livelli decisionali.


KEY WORDS: Carenza di ferro; Anemia; Referto interpretativo; Metodi analitici; Diagnosi

inizio pagina