Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Settembre;17(3) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Settembre;17(3):133-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

EDITORIALE   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Settembre;17(3):133-8

DOI: 10.23736/S1825-859X.21.00113-4

Copyright © 2021 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Preprint: è vera gloria?

Piero CAPPELLETTI 1 , Nicola BIZZARO 2, Romolo M. DORIZZI 3

1 SIPMeL, Castelfranco Veneto, Treviso, Italia; 2 Laboratorio di Patologia Clinica, Ospedale Sant’Antonio, Tolmezzo - Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine, Udine, Italia; 3 UOC Patologia Clinica, Laboratorio Unico della Romagna, Pievesestina di Cesena, Forlì-Cesena, Italia



Il preprint è una versione preliminare di un articolo scientifico, non ancora sottoposta a peer review, che circola tra gli addetti ai lavori principalmente per accelerare la comunicazione dei risultati della ricerca e che dovrebbe essere sostituita da una versione appropriatamente revisionata e pubblicata. In questi ultimi anni, e in particolare durante la pandemia da COVID-19, il suo uso è esploso. Numerosi sono i vantaggi di questa pratica e, principalmente, la velocità di comunicazione gratuita, l’accessibilità, il riscontro di altri ricercatori con conseguenti maggiori possibilità di collaborazione. Le criticità risiedono, fondamentalmente, nell’assenza della revisione tra pari, con possibili minacce alla integrità scientifica, nella disponibilità di fonti non certe per i media, con propalazione di notizie infondate al grande pubblico, e nella distorsione dei profili curricolari per le valutazioni gerarchiche e per la richiesta di sovvenzioni. Tuttavia, la pratica dei preprint non si arresterà. Sono stati suggeriti interventi per mitigare i rischi (accettazione di preprint solo all’interno di un percorso di peer-review; politiche etiche, filtri e alert sui server dedicati; obbligatorietà dell’apertura dei dati collegati al preprint e, addirittura, non identificazione con DOI) ma gli interessi in gioco dei ricercatori e dell’editoria dei preprint sono molto forti. Il tema centrale è che il processo di revisione tra pari, con tutti i suoi limiti e le sue possibili evoluzioni, è ancor oggi il modo più serio di controllo delle ricerche e dei loro risultati.


KEY WORDS: Preprint; Publishing; Curriculum

inizio pagina