Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Giugno;17(2) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Giugno;17(2):99-107

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

RASSEGNA   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Giugno;17(2):99-107

DOI: 10.23736/S1825-859X.21.00107-9

Copyright © 2021 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il valore diagnostico delle troponine cardiache ad alta sensibilità e i loro meccanismi di aumento nel siero e nelle urine in caso di ipertensione arteriosa

Aleksey M. CHAULIN

Cattedra di Cardiologia e Chirurgia Cardiovascolare, Università Statale di Medicina di Samara, Samara, Russia



Negli ultimi dieci anni, i metodi immunochimici per la rilevazione di biomarcatori delle malattie cardiovascolari, comprese le troponine cardiache (cTnT e cTnI), sono notevolmente migliorati, aumentando il loro valore diagnostico e aprendo nuove opportunità di impiego nella pratica clinica. I nuovi metodi per la determinazione delle troponine cardiache, definiti “ad alta sensibilità” (hs-cTnT e hs-cTnI), possono identificare anche danni miocardici minimi, secondo alcuni autori anche reversibili, riscontrabili in condizioni parafisiologiche (sforzo fisico o altre situazioni di stress), nelle fasi iniziali di molte condizioni patologiche che coinvolgono primariamente o secondariamente il cuore quali ad esempio, miocardite, sepsi, insufficienza renale, patologie oncologiche. L’aumento di hs-cTnT e hs-cTnI nel siero, corrisponde al grado di danno miocardico e ha un alto valore diagnostico e prognostico consentendo di stratificare il rischio di sviluppo di eventi cardiovascolari avversi. L’ipertensione arteriosa è una delle condizioni patologiche epidemiologicamente più frequenti ed è associata ad una elevata morbilità e mortalità. In questa rassegna vengono esposti i risultati di studi clinici dedicati al valore diagnostico e prognostico delle troponine cardiache nell’ipertensione arteriosa con riferimento al dosaggio nel siero o in altri materiali biologici ottenibili con modalità non invasiva oltre all’analisi dei meccanismi patogenetici che sottendono alla loro dismissione in circolo.


KEY WORDS: Hypertension; Prognosis; Troponin T; Troponin I; Blood pressure

inizio pagina