Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Marzo;17(1) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Marzo;17(1):1-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

EDITORIALE   Freefree

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2021 Marzo;17(1):1-6

DOI: 10.23736/S1825-859X.21.00096-7

Copyright © 2021 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Giornali predatori

Piero CAPPELLETTI 1 , Nicola BIZZARO 2, Romolo M. DORIZZI 3

1 SIPMeL, Castelfranco Veneto, Treviso, Italia; 2 Laboratorio di Patologia Clinica, Ospedale Sant’Antonio, Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine, Tolmezzo, Udine, Italia; 3 UOC Patologia Clinica, Laboratorio Unico della Romagna, Pievesestina di Cesena, Forlì-Cesena, Italia



La più recente definizione di pubblicazioni predatorie è stata definita nel 2019: “I giornali e gli editori predatori sono entità che danno la priorità all’interesse personale a scapito dell’accademia e sono caratterizzati da informazioni false o fuorvianti, deviazione dalle migliori pratiche editoriali e di pubblicazione, mancanza di trasparenza e/o uso di pratiche di sollecitazione aggressive e indiscriminate”. Il fenomeno dei giornali predatori è sempre più imponente: più di 10.000 riviste sono considerati tali, a fronte di poco più di 11.000 giornali legittimi secondo la Cabell’s International. E si sta infiltrando anche nei “santuari” dell’editoria biomedica: negli ultimi tre anni, il 3% degli articoli indicizzati da Scopus ha questa dubbia provenienza. Le motivazioni degli autori sono varie, principalmente la pressione per pubblicare e l’incapacità a valutare la qualità del giornale; ma a utilizzare questa editoria non sono solo i più sprovveduti tra gli autori o quelli dei paesi in via di sviluppo. Per contrastare tale fenomeno sono state messe in campo azioni da parte di diversi stakeholder: una più precisa definizione, soprariportata, che consenta di distinguere l’editoria predatoria da quella legittima; il mantenimento di blacklist e whitelist sulla base dell’esperienza di Jeffrey Beall; iniziative dell’editoria legittima per spiegare agli autori come riconoscere le buone pratiche editoriali; la diffusione dei preprint per togliere gran parte delle motivazioni a pubblicare su riviste predatorie. Tuttavia, il nodo centrale è quello di una buona peer review, non solo come prova di qualità del giornale ma anche come strumento di crescita professionale per autori, revisori ed editori.


KEY WORDS: Predatory journals; Catalog, publisher; Peer review

inizio pagina