Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Dicembre;16(4) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Dicembre;16(4):305-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

CASO CLINICO   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Dicembre;16(4):305-8

DOI: 10.23736/S1825-859X.20.00080-8

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Probabile interazione da Ganoderma lucidum in soggetto emodializzato in terapia anticoagulante orale con warfarin

Massimiliano L. MANNO 1 , Anna M. MONTINARO 2

1 Servizio di Medicina di Laboratorio, Città di Lecce Hospital - GVM Care and Research, Lecce, Italia; 2 Servizio di Emodialisi, Città di Lecce Hospital - GVM Care and Research, Lecce, Italia



Alcuni farmaci e piante medicinali interferiscono con il warfarin alterando l’aggregazione piastrinica e la coagulazione del sangue. Ganoderma lucidum (comunemente conosciuto come Lingzhi, Ruishi o Shenzhi o anche “fungo dell’immortalità”) è un fungo medicale e i suoi estratti sono utilizzati nella medicina tradizionale cinese e commercializzati, anche online, per la prevenzione o il trattamento di diverse patologie. Alcuni studi hanno dimostrato che Ganoderma lucidum può compromettere l’emostasi a causa della sua attività antitrombotica e anticoagulante. Riportiamo il caso di un uomo di 41 anni, con precedenti patologie cardiache e ipertensione, in emodialisi dal 2017, in terapia anticoagulante orale con warfarin. Abbiamo ottenuto due consecutivi valori aumentati di INR, rispettivamente di 6,92 e di 8,22, confermati su due strumenti differenti e dalla ripetizione dei prelievi. L’anamnesi ha rivelato la recente ingestione di due compresse da 500 mg di estratti di Ganoderma lucidum, solo in queste due circostanze. I precedenti e successivi valori di INR sono sempre stati entro l’intervallo terapeutico. Abbiamo quindi supposto una correlazione tra aumentati valori di INR e ingestione di compresse di Ganoderma lucidum.


KEY WORDS: Ganoderma; Emostasi; Coagulazione del sangue; Warfarin

inizio pagina