Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Settembre;16(3) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Settembre;16(3):177-81

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

RASSEGNA   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Settembre;16(3):177-81

DOI: 10.23736/S1825-859X.20.00074-2

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La valutazione della proteinuria in gravidanza

Vincenzo BRESCIA 1, Rosalba RUTA 2 , Luigi CECI 2

1 UOC Medicina di Laboratorio, A.O. Pia Fondazione Panico, Tricase, Lecce, Italia; 2 UOC Patologia Clinica e Microbiologia, Ospedale Bonomo, Azienda Sanitaria Locale Barletta Andria Trani, Andria, Italia



In questa comunicazione, abbiamo sintetizzato le raccomandazioni proposte dal National Institute for Health and Care Excellence del giugno 2019, il cui obiettivo era quello di stabilire la soglia critica del rapporto proteina-creatinina (PCR) e del rapporto albumina-creatinina (ACR) su campioni di urina spot. I test sono rapidi, sensibili e accurati e in grado di rilevare una proteinuria significativa in donne in gravidanza, fattore di rischio di pre-eclampsia. Inoltre, sostituiscono la proteinuria su raccolta delle urine nelle 24 ore, non più raccomandata come test di primo livello.


KEY WORDS: Rapporto proteina-creatinina (PCR); Rapporto albumina-creatinina (ACR); Proteinuria; Albuminuria; Pre-eclampsia

inizio pagina