Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Settembre;16(3) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Settembre;16(3):135-40

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

EDITORIALE   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2020 Settembre;16(3):135-40

DOI: 10.23736/S1825-859X.20.00048-1

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La fase post-analitica e l’interfaccia paziente-laboratorio

Piero CAPPELLETTI

SIPMeL, Castelfranco Veneto, Treviso, Italia



La fase postanalitica è la fase finale del Total Testing Process, nella quale i risultati degli esami di laboratorio vengono verificati e rilasciati all’utilizzatore, medico o paziente. Nella nostra visione, la fase postanalitica intra-laboratorio comprende le attività di verifica/validazione e di “refertazione” (commenti interpretativi, approfondimenti e suggerimenti diagnostici); la comunicazione dei risultati è lo “scambio” in uscita dell’interfaccia clinica-laboratorio; la fase postanalitica extra-laboratorio comprende la notifica dei risultati e sua verifica, da un lato, e la consulenza, dall’altro. Il termine “post-postanalitica”, infine, rappresenta il momento in cui il laboratorio verifica l’efficienza del processo e l’efficacia dei risultati sui processi diagnostico-terapeutici, attraverso feedback informali o formali audit con clinici e pazienti. Alcuni recenti lavori sul “valore aggiunto” della fase postanalitica e sulle raccomandazioni per la fase postanalitica stimolano considerazioni intorno alla “evaporazione” della validazione clinica, all’incerta definizione delle attività “a valore aggiunto”, alla sottovalutazione dei commenti interpretativi come predefiniti e non paziente-specifici, alla mancanza di modalità attuali nella trasmissione delle informazioni, alla debolezza teorica e pratica degli indicatori di qualità della fase postanalitica extra-laboratorio e di quella post-postanalitica, all’assenza del cittadino/paziente come termine ultimo dell’attività di Laboratorio. La fase postanalitica, che riassume la qualità dell’intero Total Testing Process, andrebbe esplicitamente indirizzata anche al paziente, anche alla luce dei cambiamenti tecnici e sociali dei nostri giorni, e riempita di contenuti comunicativi, nelle fasi pre-pre e post-post attraverso il coinvolgimento di pazienti e stakeholder (associazioni) nei tavoli di programmazione e verifica delle modalità di attività e nella fase extra-laboratorio con l’offerta di informazioni personalizzate sia in entrata sia in uscita, costruendo una nuova frontiera: l’interfaccia paziente/cittadino-laboratorio.


KEY WORDS: Medicina di Laboratorio; Total Testing Process; Fase postanalitica; Interfaccia clinica-laboratorio

inizio pagina