Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4):277-83

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4):277-83

DOI: 10.23736/S1825-859X.19.00032-X

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Prelievi anche nel pomeriggio e stop al digiuno: innovazioni per una medicina di laboratorio 4.0

Mariangela LONGINI 1, 2, Lucia TERZUOLI 1, 3 , Francesca MARCHI 4, Giampaolo COSTANTINO 1, Alessandro SARACINI 3, Gaetano GIAMPORCARO 3, Brunetta PORCELLI 1, 3, Roberto GUSINU 4, Carlo SCAPELLATO 1

1 UOC Laboratorio Patologia Clinica, Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, Siena, Italia; 2 Dipartimento di Medicina Molecolare e dello Sviluppo, Università degli Studi di Siena, Siena, Italia; 3 Dipartimento di Biotecnologie Mediche, Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, Siena, Italia; 4 Direzione Generale, Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, Siena, Italia



OBIETTIVO: Dal 7 maggio 2018 il Punto Prelievi Unico del Policlinico Santa Maria alle Scotte, Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, oltre a mantenere il classico orario di apertura al pubblico dalle 7:30 alle 12:45 di tutti i giorni feriali, offre un servizio continuato dalle 7:30 alle 16:00 nei giorni di lunedì e mercoledì. Il perché di questa innovazione è legato a una duplice esigenza che combina l’opportunità di fornire un servizio più elastico, in termini di accoglienza e fruibilità, all’utenza dell’area senese con la necessità di diminuire i tempi di attesa legati al percorso-prelievo. La possibilità di accedere al servizio nelle prime ore pomeridiane consente infatti di sfruttare l’orario di pausa lavorativa, evitare lunghi tempi attesa per il prelievo, trovare parcheggio più facilmente; il tutto tenendo presente che la più recente letteratura riduce la necessità di mantenere il digiuno che precede il prelievo ematico a solo pochi biomarcatori.
METODI: A distanza di nove mesi dall’inizio dell’attività è stata effettuata una prima valutazione finalizzata a valutare l’utilità del servizio erogato. I dati raccolti sono stati estrapolati dal sistema informatico del Centro Unico Prenotazioni e comprendono data e ora di accesso, generalità dell’utente, tipo di campione raccolto, specialistiche di destinazione, numero e tipologia di esami richiesti.
RISULTATI: I dati raccolti sono riferiti a 833 accessi pomeridiani (12:30-16:00). La fascia di età maggiormente interessata è risultata essere quella lavorativa attiva (26-65 anni) con un numero di accessi di utenti di sesso femminile quasi doppio rispetto a quello di sesso maschile.
CONCLUSIONI: Dai dati raccolti si può affermare come, superato l’iniziale periodo di rodaggio avvenuto a ridosso dei mesi estivi, l’orario continuato, proposto nei due giorni infrasettimanali, sia stato accolto favorevolmente dall’utenza. L’obiettivo futuro è quindi focalizzato ad agevolare l’evoluzione e la potenzialità di questa iniziativa che rappresenta un’importante innovazione per quanto riguarda l’organizzazione dei centri prelievi.


KEY WORDS: Prelievo venoso; Digiuno; Orario continuato

inizio pagina