Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4):263-76

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

RASSEGNA   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4):263-76

DOI: 10.23736/S1825-859X.19.00041-0

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Biomarcatori nell’AKI (acute kidney injury). Seconda parte: biomarcatori tradizionali, nuovi e potenziali di AKI

Maria GOLATO 1 , Sabino MATERA 1, Gianna IMPICCIATORE 2

1 Patologia Clinica, Ospedale Clinicizzato S.S. Annunziata, Chieti, Italia; 2 Ginecologia e Ostetricia, P.O. S. Timoteo ASREM, Termoli, Campobasso, Italia



Nella prima parte di questa rassegna sul tema dell’AKI (acute kidney injury), si è evidenziato come essa sia una sindrome complessa a eziologia multifattoriale, gravata da un elevato tasso di mortalità e morbidità se non diagnosticata precocemente e che richiede, pertanto, biomarcatori che consentano una diagnosi precoce, al fine di evitare l’insorgere di complicanze a breve e a lungo termine. Nella pratica clinica odierna, disponiamo di un cospicuo numero di biomarcatori e numerosi sono gli studi presenti in letteratura che hanno valutato la loro specificità e sensibilità per il danno renale con risultati controversi. Il target auspicato di identificare una “troponina renale”, tuttavia, non è ancora stato raggiunto. In questa seconda parte della presente revisione di letteratura, si è cercato di sintetizzare come il laboratorio sia utile nella diagnosi di AKI, passando in rassegna i diversi marcatori sia classici (creatinina sierica, diuresi, tasso di filtrazione glomerulare), sia di recente introduzione (NGAL, interleuchina 18, KIM 1, cistatina C, NAG, L-FABP, TIMP 2 e IGFB-7), sia potenziali (calprotectina, angiotensinogeno, micro-RNA, netrina-1). Per ciascuno di essi si sono evidenziati i limiti, i valori di sensibilità e specificità ed il loro possibile impiego nella clinica, target ambito ma non raggiunto, secondo proposte ed algoritmi di letteratura.


KEY WORDS: Biomarcatori; Danno renale acuto; Patologie renali

inizio pagina