Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4):243-51

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

RASSEGNA   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Dicembre;15(4):243-51

DOI: 10.23736/S1825-859X.19.00030-6

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Nuove prospettive diagnostiche nell’impiego dei sistemi point of care: le patologie endocrino-metaboliche

Cettina DRAGO 1 , Renato TOZZOLI 2

1 Centro Analisi Cliniche e Microbiologiche, Presidio Centro Cuore, Pedara, Catania, Italia; 2 Laboratorio di Patologia Clinica, Ospedale S. Maria degli Angeli, Pordenone, Italia



L’impiego dei test decentrati eseguiti con nuovi dispositivi e nuove tecnologie sta rapidamente crescendo nel campo della diagnostica in vitro, influenzando il processo decisionale-terapeutico e offrendo benefici di efficienza in termini di tempi di risposta. La rapidità è l’indiscusso vantaggio dei point of care (PoCT) ma il loro uso deve essere valutato criticamente e con oggettività. La gamma dei test eseguiti in PoCT è vasta: va dalla misura di base del glucosio ematico a complesse misure di coagulazione, a test basati sulla biologia molecolare per rilevare agenti infettivi. Nonostante la diffusione ormai vasta in diversi ambiti clinici, rimangono ancora vacanti alcune discipline, come quella delle malattie endocrino-metaboliche, in cui la mancata disponibilità di test PoCT rallenta il processo decisionale in situazioni critiche. Finalità di questa rassegna è di presentare una visione a largo spettro sui test attualmente disponibili, al fine di delineare nuove opportunità diagnostiche, sostenibili in ambito PoCT grazie a tecnologie affidabili all’interno di particolari ambiti clinici. Prendendo spunto da una classificazione metodologica corrente, un sintetico esame delle tecnologie analitiche porta a separare i dispositivi PoCT in 6 diversi gruppi tenendo conto dell’uso pratico, delle caratteristiche del sensore, della complessità, della modalità di misurazione, del principio di misurazione e/o della matrice del campione. Infine vengono considerati i test diagnostici e di monitoraggio delle patologie endocrine e metaboliche (paratormone nell’iperparatiroidismo, cortisolo nell’iperaldosteronismo, emoglobina e albumina glicata nel diabete, ormone antimulleriano nell’infertilità femminile) che alla luce di esigenze cliniche e terapeutiche necessitano dello sviluppo di metodi decentrati.


KEY WORDS: Sistemi PoCT; Malattie del sistema endocrino; Malattie metaboliche

inizio pagina