Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3):233-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASO CLINICO   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3):233-6

DOI: 10.23736/S1825-859X.19.00029-X

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Interferenza analitica nella ricerca sierologica di infezione da virus dell’immunodeficienza acquisita umana in ambito trasfusionale

Massimo DAVES 1 , Ugo SALVADORI 2, Paola MARCHESANI 2, Giovanni COSIO 1, Erika JANI 1, Eva ROBATSCHER 3, Thomas MUELLER 1

1 Laboratorio di Biochimica Clinica, Comprensorio Sanitario di Bolzano, Bolzano, Italia; 2 Centro Trasfusionale, Comprensorio Sanitario di Bolzano, Bolzano, Italia; 3 Laboratorio di Microbiologia e Virologia, Comprensorio Sanitario di Bolzano, Bolzano, Italia



Le donazioni di sangue devono essere testate per escludere la presenza di agenti infettivi al fine di minimizzare il rischio di trasmissione e che gli emocomponenti siano sicuri per l’uso previsto. Lo screening sierologico con le odierne tecniche analitiche ha raggiunto livelli di specificità e sensibilità ottima ma purtroppo è ancora possibile ottenere anche se raramente dei risultati falsi postivi. Riportiamo il caso di un’interferenza analitica nella ricerca sierologica di HIV in un donatore di sangue abituale e come l’utilizzo di un semplice test di laboratorio per la rapida eliminazione di interferenze da eterofili possa essere di aiuto nella gestione di una falsa reattività.


KEY WORDS: Screening sierologico; Donazioni di sangue; Risultati falsi postivi

inizio pagina