Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3):202-10

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3):202-10

DOI: 10.23736/S1825-859X.19.00027-6

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Risultati di uno studio sulla troponina I ad alta sensibilità in soggetti emodializzati stabili

Massimiliano L. MANNO 1 , Marco MORETTI 2, Alessandra FERRAMOSCA 3, Valeria IGNAZZI 3, Adriano DE GIORGI 4, Marco ROCCHI 5, Piero CAPPELLETTI 6

1 Laboratorio Analisi, Città di Lecce Hospital, GVM Care & Research, Lecce, Italia; 2 Patologia Clinica, Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti, Ancona, Italia; 3 Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali, Università del Salento, Lecce, Italia; 4 Servizio di Emodialisi, Città di Lecce Hospital, GVM Care & Research, Lecce, Italia; 5 Dipartimento di Scienze Biomolecolari, Università di Urbino Carlo Bo, Urbino, Pesaro-Urbino, Italia; 6 SIPMeL, Castelfranco Veneto, Treviso, Italia



PREMESSA: Incrementi della troponina (cTn) si manifestano in varie situazioni cliniche cardiologiche ed extra-cardiologiche, tra cui l’insufficienza renale. Lo studio ha come obiettivo la determinazione della troponina I ad alta sensibilità (hs-cTnI) in soggetti emodializzati, al fine di individuarne il valore basale, eventuali fattori predittivi del suo superamento e possibili variazioni nella concentrazione in seguito alla dialisi.
METODI: Sono stati arruolati 55 soggetti clinicamente stabili emodializzati presso l’Ospedale Città di Lecce da almeno tre mesi e senza neoplasie note al momento dello studio. Per ogni soggetto sono state determinate le concentrazioni di hs-cTnI prima e dopo la seduta dialitica (pre/post-dialisi). Il test utilizzato (Vidas bioMérieux) associa un metodo sandwich immunoenzimatico a una fase finale di rivelazione in fluorescenza (ELFA). I confronti pre/post sono stati effettuati mediante permutation test basato sulla statistica t di Student. La determinazione del 99° percentile pre/post-dialisi è stata effettuata mediante tre differenti metodi in accordo al documento CLSI C28-A3. Il valore ottenuto è stato confrontato mediante test t col 99° percentile indicato dal produttore per una popolazione sana di riferimento (19 ng/l). Tale valore è stato utilizzato per identificare i fattori predittivi del suo superamento mediante una regressione logistica binaria. Le analisi sono state eseguite a un livello di significatività pari a 0,05.
RISULTATI: Valori di hs-cTnI superiori al 99° percentile sono stati trovati in 17 pazienti (31%) in pre-dialisi e in 18 pazienti (33%) in post-dialisi. Il risultato ottenuto dal confronto dei valori delle concentrazioni di hs-cTnI pre/post-dialisi è non significativo (P=0,218). I valori del 99° percentile sia pre- (104,05 ng/l) che post-dialisi (116,78 ng/l) sono stati confrontati con il 99° percentile della popolazione sana di riferimento ed i risultati ottenuti sono entrambi significativamente diversi (P<0,001). Tra i fattori predittivi del superamento del valore di cut-off considerati (età, sesso, diabete, ipertensione, ipercolesterolemia, fumo, precedenti patologie cardiache, IMC, creatininemia, eGFR, PCR, emoglobina ed albumina), associazioni statisticamente significative, seppur deboli, sia pre- che post-dialisi, sono state trovate con il sesso maschile (P=0,047 e P=0,049) e l’ipercolesterolemia (P=0,040 e P=0,048).
CONCLUSIONI: I risultati del nostro studio dimostrano che la dialisi non determina variazioni significative nei valori della hs-cTnI utilizzata. Nei soggetti arruolati, il 99° percentile è più elevato rispetto a quello della popolazione sana di riferimento. I nostri dati avvalorano l’approccio suggerito dalla Quarta Definizione di Infarto Miocardico di valutare le variazioni post/pre-dialisi piuttosto che il 99° percentile della popolazione sana, per una corretta interpretazione dei valori di cTn in corso di dialisi, in riferimento a patologie ischemiche. Tra le variabili considerate, una debole associazione positiva è stata osservata con il sesso maschile e l’ipercolesterolemia.


KEY WORDS: Troponina I; Miocardio; Dialisi; Insufficienza renale cronica

inizio pagina