Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3):196-201

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Settembre;15(3):196-201

DOI: 10.23736/S1825-859X.19.00014-8

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione di un approccio basato sul dosaggio di multipli biomarcatori nella diagnosi di scompenso cardiaco in soggetti in età geriatrica

Sara VALVERDE 1, Gianluca GESSONI 2 , Elisabetta GARELLI 3, Letizia VALLE 3, Francesca GESSONI 4, Massimo IACOVIELLO 5, Matteo ZATTA 3, Roberto VALLE 3

1 Servizio di Medicina di Laboratorio, Ospedale Madonna della Navicella, Chioggia, Venezia, Italia; 2 Servizio di Medicina Trasfusionale, Ospedale dell’Angelo, Mestre, Venezia, Italia; 3 Unità di Cardiologia e Coronarica, Ospedale Madonna della Navicella, Chioggia, Venezia, Italia; 4 Università di Padova, Scuola di Igiene e Sanità Pubblica, Padova, Italia; 5 Unità Operativa Complessa di Cardiologia Universitaria, Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Consorziale di Bari, Bari, Italia



PREMESSE: Lo scompenso cardiaco (SC) è stato definito come una moderna pandemia e si ritiene interessi 26 milioni di pazienti nel mondo. La interazione di meccanismi fisiopatologici, psicologici, sociali, diagnostici, assistenziali e terapeutici complessi rendono lo SC una patologia complessa da diagnosticare e da trattare. Nel nostro studio, viene valutato in un gruppo di soggetti in età geriatrica un approccio multi-marcatore nella diagnosi di SC.
METODI: Sono stati considerati 68 soggetti Italiani di sesso maschile di età superiore a 65 anni: 25 pazienti con SC; 18 donatori abituali di sangue (DA); 25 soggetti reclutati in corso di valutazione clinica per la idoneità alla attività sportiva non agonistica (ASNA). In tutti questi soggetti abbiamo dosato la troponina I con una metodica ad alta sensibilità (HS-TNI), la galectina (GAL), la cistatina C (CYS) e il peptide natriuretico B (BNP). Tutti i dosaggi sono stati effettuati utilizzando i metodi routinariamente in uso presso il nostro Laboratorio.
RISULTATI: Nei pazienti con SC le concentrazioni mediane di HS-TNI, GAL, CYS e BNP sono risultati significativamente più elevati di quanto osservato in DA e ASNA. Dai dati ottenuti in questo studio, per la diagnosi di SC in questi soggetti sembrano particolarmente interessanti HS-TNI e BNP, che presentavano un VPP di 1.00 e GAL che presentava un VPN di 1.00.
CONCLUSIONI: Il nostro studio ha dimostrato che un approccio multi-marcatore può essere utile nella diagnosi di SC in soggetti maschi in età geriatrica.


KEY WORDS: Biomarcatori; Peptide natriuretico B; Cistatina; Galectina; Scompenso cardiaco; Troponina I ad alta sensibilità

inizio pagina