Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Giugno;15(2) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Giugno;15(2):104-19

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

RASSEGNA   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Giugno;15(2):104-19

DOI: 10.23736/S1825-859X.19.00012-4

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La morfologia attuale come primo approccio diagnostico allo studio della macrocitosi

Barbara CASOLARI 1 , Anna M. CENCI 2

1 U.O.S. Qualità e Accreditamento, Area Programmazione e Governo Attività Sanitarie AUSL Modena, Modena, Italia; 2 Gruppo di Studio in Ematologia SIPMeL, Commissione Formazione Permanente SIPMeL, Castelfranco Veneto, Treviso, Italia



La macrocitosi è la condizione in cui il volume eritrocitario medio (MCV) dei globuli rossi circolanti (GR) risulta aumentato (≥100 fL) rispetto agli intervalli di riferimento comunemente utilizzati (80-95 fL). Di incidenza bassa (2-4% nella popolazione generale) può costituire una scoperta accidentale in pazienti asintomatici o essere associata ad altri sintomi clinici e presentarsi in diverse patologie con eziopatogenesi disparate che vanno da evenienze parafisiologiche (gravidanza) all’azione sull’eritropoiesi di alcune sostanze, quali farmaci antiblastici, tossici come l’alcol, carenze di elementi costitutivi essenziali, quali le vitamine del gruppo B. Alcuni tipi di anemie, (sideroblastica, perniciosa, megaloblastica, aplastica, legata alle mielodisplasie) vedono nella macrocitosi una delle loro caratteristiche principali e dei cardini classificativi (anemie macrocitiche). Il riconoscimento della macrocitosi risulta sempre importante, e indispensabile in particolari età della vita come la vecchiaia, essendo spesso il primo segno di insorgenza di patologie anche particolarmente gravi. Tale riconoscimento avviene oggi con particolare agio attraverso i dati dell’emocromo riferiti ai GR, MCV in primis, e con lo studio della morfologia microscopica, arricchita dalle informazioni oggi fornite in automazione su tutti i cluster delle cellule ematiche circolanti. L’insieme di tutti questi dati si dimostrano base essenziale dei primi approcci di studio anche per la macrocitosi e costituiscono strumenti diagnostici preziosi in casi a volte altrimenti misconosciuti o di difficile inquadramento diagnostico, anche in epoca di più sofisticate indagini di laboratorio, alle quali servono comunque come base per appropriate flow chart di definizione.


KEY WORDS: Macrocitosi; Volume corpuscolare medio; Morfologia; Emocromo; Parametri eritrocitari

inizio pagina