Home > Riviste > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio > Fascicoli precedenti > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Marzo;15(1) > La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Marzo;15(1):46-59

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

RACCOMANDAZIONI E LINEE GUIDA   

La Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 2019 Marzo;15(1):46-59

DOI: 10.23736/S1825-859X.19.00008-2

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Esame fisico, chimico e morfologico delle urine: raccomandazioni per la fase postanalitica del Gruppo Interdisciplinare Laboratorio e Clinica Apparato Urinario (GIAU)

Fabio MANONI 1 , Gianluca GESSONI 2, Giovanni B. FOGAZZI 3, Maria G. ALESSIO 4, Rudi RAVASIO 4, Alberta CALEFFI 5, Giovanni GAMBARO 6, Sandra SECCHIERO 7, Barbara PIERETTI 8, Cosimo OTTOMANO 9, Anna LIVERANI 1, Cettina DRAGO 10, Fiamma BALBONI 11, Maria G. EPIFANI 7, Graziella SACCANI 12, Giovanni DI RIENZO 13, Sara VALVERDE 2, Giuliano BRUNORI 14, Loreto GESUALDO 15, a nome del Gruppo Interdisciplinare Analisi delle Urine 

1 Dipartimento dei Servizi di Diagnosi e Cura, Ospedali Riuniti Padova Sud “Madre Teresa di Calcutta”, Monselice, Padova, Italia; 2 Servizio di Medicina di Laboratorio, Ospedale Madonna della Navicella, Chioggia, Venezia, Italia; 3 Laboratorio Clinico e di Ricerca sul Sedimento Urinario, U.O. Di Nefrologia e Dialisi, Fondazione IRCCS Ca’ Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, Milano, Italia; 4 Laboratorio Analisi Chimico Cliniche, ASST Papa Giovanni XXIII, Piazza OMS, Bergamo, Italia; 5 U.O Diagnostica Ematochimica, Dipartimento Diagnostico, Azienda Ospedaliero-Universitaria, Parma, Italia; 6 Divisione di Nefrologia e Dialisi, Fondazione Policlinico A. Gemelli, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma, Italia; 7 Centro di Ricerca Biomedica, UOC Medicina di Laboratorio, Azienda Ospedaliera-Università, Padova, Italia; 8 UOC Laboratorio Analisi, Ospedale S. Croce, Fano, Pesaro-Urbino, Italia; 9 Centro Analisi Monza, Monza, Italia; 10 Laboratorio di Analisi Cliniche e Microbiologiche, Centro Cuore Morgagni in Pedara, Pedara, Catania, Italia; 11 Laboratorio Analisi IFCA, Firenze, Italia; 12 Servizio di Medicina di Laboratorio, Ospedale Orlandi, Bussolengo, Verona; 13 UOC Patologia Clinica, Ospedale Altamura, ASL Bari, Bari, Italia; 14 UOC Nefrologia e Dialisi, Ospedale Santa Chiara, Trento, Italia; 15 Università degli Studi di Bari, Azienda Ospedaliero-Universitaria Consorziale “Policlinico“ di Bari, Bari, Italia



Il Gruppo Interdisciplinare di Analisi delle Urine (GIAU) mira a fornire alcune raccomandazioni per migliorare e standardizzare la fase postanalitica dell’esame fisico, chimico e morfologico delle urine (ECMU). Gli obiettivi comuni sono enfatizzare il valore aggiunto all’ECMU, selezionando i parametri clinicamente significativi con chiara indicazione dei metodi analitici, delle unità di misura, dei valori di riferimento, così come migliorare l’interpretazione dell’analisi delle urine eseguita mediante dip stick con particolare riguardo alla riconsiderazione della significatività diagnostica dei parametri valutati insieme a una crescente consapevolezza dei limiti di sensibilità e specificità di questo metodo analitico, con la capacità di proporre e condurre indagini di approfondimento con metodi analitici più sensibili e specifici. Fondamentale è poi cercare di aumentare la consapevolezza dell’importanza delle abilità professionali nel campo della morfologia urinaria e delle loro relazioni con i clinici. attraverso l’introduzione, nella relazione, di commenti descrittivi e interpretativi a seconda del tipo di richiesta, della complessità del laboratorio, della competenza del patologo. L’intento finale è quello di implementare una politica di valutazione della qualità analitica utilizzando, oltre ai tradizionali controlli interni ed esterni, un programma per la valutazione della competenza morfologica. La speranza è di rivalutare l’enorme potenziale diagnostico dell’ECMU, implementando un’analisi delle urine sui bisogni diagnostici personalizzati che ogni paziente porta con sé.


KEY WORDS: Fase postanalitica; Raccomandazioni; Analisi della urine

inizio pagina