Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2022 June;75(2) > Medicina dello Sport 2022 June;75(2):307-14

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

CASE REPORT   

Medicina dello Sport 2022 June;75(2):307-14

DOI: 10.23736/S0025-7826.22.04110-2

Copyright © 2022 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Ischemia asintomatica senza ostruzione delle arterie coronariche (INOCA) in una giovane atleta

Tommaso BALLATORE 1, 2 , Stefano OMBONI 1, 3

1 Unit of Clinical Research, Italian Institute of Telemedicine, Solbiate Arno, Varese, Italy; 2 Service of Sports Medicine, ATS Milano, Milan, Italy; 3 Department of Cardiology, Sechenov First Moscow State Medical University, Mosow, Russia


PDF


L’articolo descrive il caso di una giovane atleta di anni 22, che, alla visita medica per idoneità sportiva non agonistica, presentava, all’ECG basale, onde T appiattite nelle derivazioni D2, V5 e V6 e negative nelle derivazioni D3, aVF, V4. Avviata a uno screening cardiologico di secondo livello, comprendente ecocardiogramma, ECG Holter e test da sforzo al cicloergometro, risultava negativa per cardiopatia strutturale. Sebbene asintomatica, durante la prova da sforzo, presentava accentuazione della negatività dell’onda T, soprattutto in V4, V5 e V6, con lieve sottolivellamento del tratto ST, segni indicativi di ridotta riserva coronarica. La ragazza veniva, quindi, sottoposta a scintigrafia miocardica da sforzo risultata negativa. Eseguita anche angio TAC coronarica e RMN con mezzo di contrasto, senza che si pervenisse ad alcuna diagnosi di cardiopatia. Pertanto, considerata l’età, l’asintomaticità e l’assenza di anomalie coronariche strutturali, in presenza di una reattività coronarica silente allo sforzo, si riteneva idonea alla pratica sportiva non agonistica con limitazione dei carichi a una frequenza cardiaca submassimale. L’obiettivo di questo lavoro è di contribuire alla casistica delle anomalie elettrocardiografiche, in corso di visita medica per idoneità sportiva non agonistica, ponendo l’attenzione sulla evidente alterazione elettrocardiografica, rilevata in un cuore strutturalmente integro compatibile con una disfunzione microvascolare coronarica (ischemia with no obstructive coronary arteries [INOCA]) silente.


KEY WORDS: Ischemia; Vasi coronarici; Atleti

inizio pagina