Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2022 June;75(2) > Medicina dello Sport 2022 June;75(2):218-26

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

MEDICAL AREA   

Medicina dello Sport 2022 June;75(2):218-26

DOI: 10.23736/S0025-7826.22.04154-0

Copyright © 2022 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetti dell’integrazione con proteine del siero di latte sulla capacità di esercizio e sulla resistenza alla fatica

Zhiqiang CAI 1 , Xueying LIU 1, Xupeng PANG 2

1 Physical Education College of Langfang Normal University, Langfang, Hebei, China; 2 College of Physical Education, Hebei Normal University, Shijiazhuang, Hebei, China


PDF


OBIETTIVO: La proteina del siero del latte è una proteina derivata dal latte ed è uno degli integratori nutrizionali più utilizzati dagli atleti.
METODI: Venti atleti sono stati suddivisi in modo casuale in due gruppi, il gruppo A al quale è stata somministrata un’integrazione con proteine del siero di latte, ed un gruppo B che non ha ricevuto alcun integratore, allo scopo di condurre uno studio della durata di otto settimane. Successivamente sono stati condotti dei test sulla capacità di esercizio e sugli indicatori ematici dei sopraccitati atleti.
RISULTATI: Al termine della sperimentazione, gli indicatori relativi ad entrambi i gruppi non hanno mostrato differenze significative rispetto ai valori registrati prima dell’intervento. Nel periodo successivo all’intervento, i soggetti appartenenti al gruppo A hanno mostrato valori migliori per quanto concerne la frequenza cardiaca di recupero, mentre gli indici di esercizio hanno denotato un miglioramento significativo rispetto alla baseline; P<0,05 nel confronto delle prestazioni nei piegamenti (push-up), nel test di corsa a navetta e del nuoto stile libero sulla distanza di 800 m tra il gruppo A e il gruppo B. Il gruppo A ha inoltre fatto registrare valori migliori negli indicatori ematici di routine e valori significativamente più bassi di acido lattico, creatina chinasi e azoto ureico nel sangue, rispetto al gruppo B, successivamente all’intervento (P<0,05).
CONCLUSIONI: L’assunzione di proteina del siero di latte può portare a miglioramenti della capacità di esercizio dell’organismo e promuovere il recupero dalla fatica; questi risultati suggeriscono che la proteina in questione dispone effettivamente di proprietà anti-fatica.


KEY WORDS: Proteine del siero di latte; Atleti; Tolleranza allo sforzo fisico; Affaticamento

inizio pagina