Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2021 September;74(3) > Medicina dello Sport 2021 September;74(3):470-83

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ORTHOPEDIC AREA   

Medicina dello Sport 2021 September;74(3):470-83

DOI: 10.23736/S0025-7826.21.03848-5

Copyright © 2021 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Diagnosi e trattamento della lesione della cuffia dei rotatori nella pratica tennistica mediante risonanza magnetica combinata con la terapia dell’esercizio

Yurong Yang 1, Li Ni 2

1 College of Physical Education, Kunming University, Kunming, China; 2 College of Physical Education, Yunnan Agricultural University, Kunming, China


PDF


OBIETTIVO: I giocatori di tennis sono frequentemente impegnati nell’azione di sollevare l’arto superiore al di sopra del capo durante le fasi di gioco e l’allenamento e questo movimento è sovente soggetto a forze esterne ragguardevoli. Tali interazioni possono facilmente causare lesioni alla cuffia dei rotatori e finire con l’influenzare le attività di vita quotidiana. Una diagnosi accurata ed il trattamento della lesione della cuffia dei rotatori risultano dunque di vitale importanza per i tennisti.
METODI: Questo articolo introduce brevemente la lesione della cuffia dei rotatori, la sua diagnosi e i relativi trattamenti per poi prendere spunto dalle esperienze dei giocatori di tennis del College of Physical Education della Kunming University. Sei ortopedici con una nutrita esperienza clinica sono stati invitati e divisi casualmente in due gruppi; un gruppo ha formulato una diagnosi usando il metodo diagnostico convenzionale mentre l’altro gruppo ha eseguito la diagnosi per mezzo del metodo convenzionale combinato con la risonanza magnetica (RM). L’accuratezza diagnostica dei due gruppi è stata quindi confrontata. Susseguentemente, i pazienti con lesioni alla cuffia dei rotatori sono stati divisi in un gruppo di controllo e in un gruppo sperimentale per ricevere un trattamento della durata di tre mesi.
RISULTATI: Il tasso di diagnosi del metodo convenzionale combinato con la risonanza magnetica (RM) è risultato più efficace nell’individuazione della lesione della cuffia dei rotatori; prima del trattamento, la valutazione della funzionalità dell’articolazione della spalla nel gruppo di controllo e in quello sperimentale sono risultati simili; dopo i rispettivi trattamenti, i punteggi sono aumentati in maniera generalizzata, e il punteggio del gruppo sperimentale che ha ricevuto la terapia combinata dell’esercizio combinata è risultato significativamente più elevato rispetto a quello del gruppo di controllo che aveva ricevuto una terapia convenzionale.
CONCLUSIONI: La lesione della cuffia dei rotatori nei tennisti può essere diagnosticata per mezzo della risonanza magnetica. Rispetto ai trattamenti convenzionali, la combinazione con la terapia dell’esercizio può promuovere una migliore riabilitazione della cuffia dei rotatori.


KEY WORDS: Tennis; Infortuni alla cuffia dei rotatori; Diagnosi; Terapia

inizio pagina