Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2021 September;74(3) > Medicina dello Sport 2021 September;74(3):451-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ORTHOPEDIC AREA   

Medicina dello Sport 2021 September;74(3):451-7

DOI: 10.23736/S0025-7826.21.03845-X

Copyright © 2021 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Aumento del tasso di ri-rottura nei pazienti più giovani dopo la ricostruzione del legamento crociato anteriore: risultati a medio termine

Claudio LEGNANI 1 , Stefano MUZZI 2, Giuseppe M. PERETTI 3, 4, Enrico BORGO 1, Alberto VENTURA 1

1 IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, Sports Traumatology and Minimally Invasive Articular Surgery Center, Milan, Italy; 2 University of Milan, Milan, Italy; 3 IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, Milan, Italy; 4 Department of Biomedical Sciences for Health, University of Milan, Milan, Italy


PDF


OBIETTIVO: Diversi studi hanno osservato che gli atleti più giovani riportano tassi più elevati di nuova lesione del legamento crociato anteriore (LCA). Lo scopo di questo studio è di valutare retrospettivamente il tasso di ri-rottura del LCA in un’ampia coorte di pazienti sottoposti a ricostruzione primaria del LCA utilizzando autotrapianti con tendini semitendinoso e gracile. L’ipotesi è che la ricostruzione primaria del LCA con semitendinoso e gracile confermi risultati soddisfacenti e che la giovane età possa rappresentare un fattore di rischio che porti a un maggiore tasso di ri-rottura del LCA.
METODI: Duecentoquarantasei pazienti sottoposti a ricostruzione primaria del LCA tra il 2004 e il 2012 sono stati contattati con successo dal database dell’autore senior dopo un follow-up medio di 10,9 anni (intervallo, da 7 a 15 anni) e hanno accettato di partecipare allo studio. I dati relativi a età, sesso e meccanismo di lesione sono stati raccolti retrospettivamente. I pazienti sono stati interrogati in merito a successive lesioni e/o reinterventi del LCA del ginocchio omolaterale. Nel caso in cui avessero subito una nuova rottura del LCA, sono state ottenute informazioni sui tempi relativi al nuovo intervento chirurgico.
RISULTATI: In 15 pazienti si è verificata una nuova rottura. In 12 casi, ciò era legato a un nuovo infortunio occorso in seguito alla ripresa della pratica sportiva. La ri-rottura si è verificata principalmente in pazienti che praticavano calcio e basket. I pazienti nel gruppo di età <25 anni hanno riportato il più alto tasso di ri-rotture (10/77, 12,9%) rispetto ai pazienti più anziani (P<0,05).
CONCLUSIONI: Questo studio conferma un basso tasso di recidiva di lesione dopo ricostruzione del LCA a singolo fascio con semitendinoso e gracile autologhi. La maggior parte dei pazienti che ha subito una nuova lesione aveva 25 anni o meno, supportando così l’osservazione che l’età più giovane rappresenti un fattore di rischio che porta a una recidiva di rottura del LCA.


KEY WORDS: Legamento crociato anteriore; Ricostruzione del legamento crociato anteriore; Re-intervento

inizio pagina