Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2021 March;74(1) > Medicina dello Sport 2021 March;74(1):140-5

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

CASE REPORT   

Medicina dello Sport 2021 March;74(1):140-5

DOI: 10.23736/S0025-7826.21.03817-5

Copyright © 2021 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Dribblare la morte: un caso di rianimazione cardiopolmonare in un atleta amatoriale

Pedro VON HAFE , Geraldo DIAS, Filipa CARDOSO, Sérgio LEITE, António LOURENÇO

Department of Cardiology, Senhora da Oliveira Hospital, Guimarães, Portugal


PDF


L’esercizio fisico regolare è raccomandato dalla comunità medica perché è associato ad una diminuzione della mortalità generale. Va tuttavia fatto notare che uno sforzo vigoroso può aumentare il rischio di eventi coronarici acuti. Il caso ivi descritto è quello di un atleta amatoriale colpito da arresto cardiaco recuperato con successo grazie all’intervento dei compagni di squadra, I quali si sono avvalsi dell’uso di un defibrillatore automatico esterno portatile. Il paziente è stato successivamente sottoposto ad un intervento di cardiochirurgia a causa di una grave malattia coronarica. Lo scrutinio di un medico per mezzo di anamnesi ed esame fisico è essenziale per filtrare gli atleti (in particolare quelli di età >35 anni) che hanno bisogno di essere studiati più a fondo. Il tasso di sopravvivenza in casi di arresto cardiaco testimoniato da astanti è piuttosto elevato. Consideriamo utile l’addestramento alla rianimazione cardiopolmonare dei soccorritori che per primi arrivano sul luogo e l’accesso ad un defibrillatore automatico esterno con collegamento al sistema di emergenza medica locale, in ogni centro sportivo e stadio.


KEY WORDS: Attività ricreative; Arresto cardiaco; Defibrillatori

inizio pagina