Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2021 March;74(1) > Medicina dello Sport 2021 March;74(1):66-74

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

MEDICAL AREA   

Medicina dello Sport 2021 March;74(1):66-74

DOI: 10.23736/S0025-7826.21.03595-X

Copyright © 2021 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Analisi della variabilità della frequenza cardiaca nei giovani nuotatori

Betül S. TASKIN 1, Mine TASKIN 2, Mehmet TASKIN 1, Halil TASKIN 1

1 Faculty of Sport Sciences, Selcuk University, Konya, Turkey; 2 School of Applied Sciences, Selcuk University, Beyşehir, Konya, Turkey


PDF


OBIETTIVO: La variabilità della frequenza cardiaca (heart rate variability [HRV]) è la misura dell’intervallo di tempo tra battiti cardiaci successivi.
METODI: Questo studio si propone di esaminare la HRV nei nuotatori. È possibile descrivere la HRV a 24 ore, a breve termine, (~5 min) o breve, e ultra-breve (<5 min) utilizzando misurazioni nel dominio del tempo, della frequenza e non lineari. Allo studio hanno partecipato in totale 35 nuotatori di sesso maschile (età media; 12,10±1,758 anni, altezza media; 1,51±0,124 m, peso corporeo medio; 43,81±13,93 kg ed età sportiva media; 3,20±1,416 anni). La HRV è stata registrata con un orologio Polar V800 GPS impermeabile per 2 minuti a riposo, durante e dopo l’attività di nuoto.
RISULTATI: Il valore della media degli intervalli RR (MediaRR) dopo l’attività di nuoto è risultato essere superiore al valore MediaRR ottenuto durante il nuoto (P<0,05). Il valore quadratico medio delle differenze successive dell’intervallo RR a riposo (root mean square of successive differences [RMSSD]) è inferiore al valore RMSSD ottenuto nuotando (P<0,05). La percentuale dei successivi intervalli RR ottenuti nuotando differenti per di più di 50 ms (pNN50) è risultata superiore ai valori di pNN50 a riposo e dopo il nuoto (P<0,05). Inoltre, i valori di pNN50 ottenuti a riposo sono risultati superiori ai valori di pNN50 ottenuti dopo il nuoto (P<0,05). Il valore di bassa frequenza (low frequency [LF])/alta frequenza (high frequency [HF]) ottenuto dopo l’attività di nuoto è risultato essere superiore al valore LF/HF ottenuto a riposo (P<0,05).
CONCLUSIONI: Si è rilevato che il potere di contrazione del cuore e le attività anaboliche non sono cambiate a riposo, durante e dopo l’attività di nuoto. Si ritiene che gli individui non siano stati esposti a stress durante il riposo, il nuoto e dopo il nuoto. L’equilibrio tra la funzione simpatica e parasimpatica viene preservato nuotando e riposando; questo equilibrio dopo l’attività di nuoto è risultato variato di circa 4 volte rispetto alla condizione precedente. Dai valori nel dominio del tempo, si pensa che l’equilibrio tra cervello e cuore sia maggiormente disturbato nel nuoto con variabilità della frequenza cardiaca.


KEY WORDS: Frequenza cardiaca; Sport; Nuoto

inizio pagina