Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2020 December;73(4) > Medicina dello Sport 2020 December;73(4):703-11

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

EXERCISE PRESCRIPTION AREA   

Medicina dello Sport 2020 December;73(4):703-11

DOI: 10.23736/S0025-7826.20.03682-0

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Un programma di 8 settimane basato su esercizi di tipo reattivo e con instabilità influenza le capacità motorie di soggetti over 65?

Italo SANNICANDRO

Department of Clinical and Experimental Medicine, University of Foggia, Foggia, Italy


PDF


OBIETTIVO: L’autonomia individuale e la mobilità personale sono significativamente migliorate dalla capacità di equilibrio. In letteratura un problema aperto è la comprensione degli esercizi di deambulazione e degli esercizi di equilibrio in appoggio monopodalico o bipodalico eseguiti con attrezzi o ambienti/condizioni che determinano una instabilità imprevedibile. Lo scopo di questo studio è verificare gli effetti dell’attività motoria condotta con attrezzi che generano instabilità e con compiti di tipo reattivo sulle capacità motorie di soggetti over 65 di genere femminile.
METODI: Settanta donne (67,9±5,6 anni, 59,6±7,4 kg, 156,1±5,2) hanno partecipato allo studio e sono state divise in modo random in 2 gruppi: N.=27 erano incluse nel gruppo di allenamento con instabilità (IG) mentre N.=26 sono stati incluse nel gruppo di controllo (CG). Il periodo di allenamento è durato 8 settimane (3 sessioni/settimana, totale di 24 sessioni di circa 50 minuti).
RISULTATI: I risultati hanno evidenziato una significativo effetto dell’allenamento su IG vs. CG e T0 vs. T1 nel chair stand test (P=0.006), nel test 8-foot up and go (P=0.000), nel single leg stance test (rispettivamente per arto destro e a sinistro, P=0.004 e P=0.002), nel test 3-m backwards walk (P=0.000), nel test arm curl (P=0.004), nel test tandem (P=0.000), e nel 2 minute step test (P=0.015).
CONCLUSIONI: I compiti motori che generano instabilità e la strutturazione di un ambiente che richiede adattamenti improvvisi del movimento scelto aumentano la capacità di equilibrio nei soggetti over 65.


KEY WORDS: Prevenzione e controllo; Anziano; Sport

inizio pagina