Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2020 December;73(4) > Medicina dello Sport 2020 December;73(4):689-702

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ORTHOPEDIC AREA   

Medicina dello Sport 2020 December;73(4):689-702

DOI: 10.23736/S0025-7826.20.03726-6

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetto delle istruzioni, riguardanti la posizione intermedia del ginocchio, sulla sua bio-meccanica articolare, durante l’atterraggio a gamba singola

Xiao SHI 1, 2, Huifang CHEN 3, Jianhong QI 1, Xiaoming LI 1, Haibin LIU 1, Haimei WANG 1, Bin MA 1, Di XIE 1

1 Institute of Sports Medicine, Shandong First Medical University and Shandong Academy of Medical Sciences, Taian, China; 2 Unit of Training Injury Prevention and Research, Department of Health Maintenance, NCO School of PLA, Army Medical University, Shijiazhuang, China; 3 School of Nursing, Shandong First Medical University and Shandong Academy of Medical Sciences, Taian, China


PDF


OBIETTIVO: Al fine di ridurre l’elevata prevalenza delle lesioni al legamento crociato anteriore (anterior cruciate ligament [ACL]), vogliamo valutare l’efficacia delle istruzioni ,fornite durante l’allenamento sportivo, volte a cambiare gli indici biomeccanici. Questo studio si propone di analizzate l’effetto delle istruzioni, riguardanti la posizione intermedia del ginocchio (knee middle position instruction [KMPI]), sulla sua biomeccanica caratteristica dell’atterraggio. Guidare l’azione può prevenire le lesioni dell’ACL, modificando l’indice bio-meccanico dell’articolazione del ginocchio.
METODI: Sono state reclutate diciassette atlete di pallavolo per questo studio. Abbiamo raccolto i dati cinematici, cinetici e dell’elettromiografia durante l’atterraggio sulla gamba singola e li abbiamo confrontati prima e dopo KMPI. Abbiamo analizzato statisticamente l’associazione fra le variazioni, a livello dell’angolo del ginocchio, del movimento del ginocchio e dell’attività muscolare, durante le fasi di pre-attività e post-contatto.
RISULTATI: Dopo KMPI, i partecipanti hanno riportato: 1) un angolo minore di abduzione nell’istante iniziale di contatto con il suolo (media =-1,2°, P<0,05); 2); una minore abduzione del ginocchio (media =0,1 Nm.kg-1.m-1, P<0,05); 3) un aumento dell’angolo di flessione massima del ginocchio (media =5.4°, P<0.05). Dopo KMPI, le variazioni del quadricipite nella pre-attività e del tendine posteriore ginocchio nell’attività sono state correlate alla variazione dell’estensione del ginocchio (r=0.72, P<0,01 e r=-0,50, P<0,05, rispettivamente).
CONCLUSIONI: Le KMPI sono state progettate per correggere l’allineamento del ginocchio durante l’atterraggio a gamba singola; il loro effetto potrebbe essere la riduzione del rischio di lesioni dell’ACL.


KEY WORDS: Legamento crociato anteriore; Ginocchio; Fenomeni biomeccanici; Lesioni e infortuni

inizio pagina