Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2020 December;73(4) > Medicina dello Sport 2020 December;73(4):598-609

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

PHYSIOLOGICAL AREA   

Medicina dello Sport 2020 December;73(4):598-609

DOI: 10.23736/S0025-7826.20.03664-9

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Il riscaldamento di quindici minuti favorisce la percezione, la produzione di energia e il conseguente affaticamento negli esercizi mattutini ad alta intensità tra gli studenti di educazione fisica

Nesrine CHAARI 1, 2, Mohamed FRIKHA1, 2 , Mohammed ALIBRAHIM 2, Nizar SOUISSI 3

1 Unit of Education, Motor Skills, Sport and Health, High Institute of Sport and Physical Education, University of Sfax, Sfax, Tunisia; 2 Department of Physical Education, College of Education, King Faisal University, Al-Hofuf, Saudi Arabia; 3 High Institute of Sport and Physical Education Ksar Said, Manouba University, Manouba, Tunisia


PDF


OBIETTIVO: Questo studio si propone di indagare l’effetto di riscaldamenti (warm-up [WU]) di diversa durata sull’affaticamento muscolare, sulla produzione di potenza e sulle risposte psico-fisiologiche dopo uno sforzo ad alta intensità.
METODI: In ordine casuale, ventitré studenti di educazione fisica di sesso maschile si sono offerti volontari per partecipare a questo studio. Sono stati invitati a eseguire un test di Wingate di 30 s dopo WU di tre durate (WU5, WU15 e WU20 min) a un’intensità del 50% della potenza aerobica massima. Sono stati registrati e analizzati la potenza totale (Pt), di picco (PP), media (MP) e l’Indice di Fatica (IF). Allo stesso modo, durante ogni sessione sono stati registrati la frequenza cardiaca (FC), la temperatura orale (T) e la valutazione dello sforzo percepito (rating of perceived exertion [RPE]).
RISULTATI: L’ANOVA ha mostrato un aumento della temperatura interna sia dopo WU15 che WU20 (P<0,001 per entrambi i confronti) e delle stime RPE (P<0,001 per entrambi i confronti) rispetto a WU5. PM e Pt durante il test di Wingate erano: 1) più elevate quando registrate dopo WU15 piuttosto che dopo AWU5 (P<0,01 per entrambi i confronti); e 2) non influenzate dall’aumento della durata di WU fino a 20 min (P=0,132 e P=0,094 rispettivamente). Inoltre, PP e IF sono stati influenzati dalla durata di WU, con valori più alti registrati dopo WU15 (P<0,001 e P<0,05 rispettivamente) e WU20 (P<0,001 e P<0,05 rispettivamente).
CONCLUSIONI: La durata del WU di 15 min con stima della RPE~11-12 ha un impatto migliore sull’esercizio di potenza ad alta intensità in uomini fisicamente attivi. L’aumento della durata del WU a 20 min determina maggiore sensazione di affaticamento e non risulta utile per la produzione di potenza muscolare.


KEY WORDS: Autovalutazione; Affaticamento muscolare; Educazione e allenamento fisico; Esercizio di riscaldamento

inizio pagina