Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2020 September;73(3) > Medicina dello Sport 2020 September;73(3):534-46

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

EXERCISE PRESCRIPTION AREA   

Medicina dello Sport 2020 September;73(3):534-46

DOI: 10.23736/S0025-7826.20.03598-X

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetto di un programma di allenamento per la locomozione per anziani basato sulle funzioni degli arti inferiori di ciascun individuo

Shaoshuai SHEN 1, 2 , Ayane SATO 3, Tomohiro OKURA 2

1 Institute of Health and Sports Science and Medicine, Juntendo University, Inzai, Japan; 2 Faculty of Regional Collaboration, Kochi University, Kochi, Japan; 3 Faculty of Health and Sport Sciences, University of Tsukuba, Tsukuba, Japan


PDF


OBIETTIVO: La maggior parte degli studi precedenti ha riportato che l’allenamento alla locomozione è efficace nel migliorare le funzioni motorie negli individui anziani. Tuttavia, i programmi di allenamento per la locomozione esistenti sono uniformi e non esistono programmi su misura per diversi livelli di attività degli arti inferiori. A tal fine, questo studio ha esaminato l’effetto dell’allenamento della locomozione sulla funzione motoria negli anziani per una durata di otto settimane, in base alle funzioni individuali degli arti inferiori.
METODI: I partecipanti (N.=28; 19 donne) avevano un’età compresa tra 70,3±4,2 anni. Dopo un periodo di controllo di otto settimane, è stato messo in atto un programma della durata di otto settimane. Durante il protocollo di allenamento una volta ogni due settimane sono state misurate la forza muscolare degli arti inferiori e la capacità di equilibrio al fine di riflettere la funzione degli arti inferiori. È stato progettato un modello di attività fisica (come numero di squat/giorno) da includere nell’allenamento della locomozione dei partecipanti, sulla base dei risultati di forza muscolare degli arti inferiori e della capacità di equilibrio. I partecipanti dovevano eseguire cinque volte il test sit-to-stand e il test su una gamba con gli occhi aperti all’inizio del periodo di controllo (Pre1), nonché prima (Pre2) e dopo l’esercizio (Post).
RISULTATI: Le funzioni degli arti inferiori dei partecipanti sono notevolmente migliorate quando i partecipanti hanno eseguito il test sit-to-stand cinque volte tra Pre2 e Post (P <0,001); le funzioni sono notevolmente migliorate quando sono stati eseguiti il test sit-to-stand cinque volte e il test in piedi su una gamba con gli occhi aperti dopo Post, rispetto a quando i test sono stati eseguiti prima di Pre1 (P <0,05). Inoltre, è stata trovata una moderata correlazione inversa tra la forza muscolare degli arti inferiori (RFD 87.5/w) e il test sit-to-stand cinque volte (r: -0,388; P<0,05) in Pre1 e (r: -0,456; P<0,05) Post.
CONCLUSIONI: Questo studio suggerisce che l’allenamento della locomozione in base alle funzioni degli arti inferiori di un individuo migliori efficacemente le sue funzioni motorie.


KEY WORDS: Locomozione; Anziani; Arti inferiori

inizio pagina