Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2020 March;73(1) > Medicina dello Sport 2020 March;73(1):32-41

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

MEDICAL AREA   

Medicina dello Sport 2020 March;73(1):32-41

DOI: 10.23736/S0025-7826.20.03515-2

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Analisi della dinamica del parametro ECG, che definisce la spossatezza e lo stato funzionale degli atleti

Zivile KAIRIUKSTIENE 1 , Kristina PODERIENE 1, Deivydas VELICKA 2, Eugenijus TRINKUNAS 1, Jonas PODERYS 1

1 Institute of Sport Science and Innovations, Lithuanian Sports University, Kaunas, Lithuania; 2 Sport Institute, Lithuanian University of Health Sciences, Kaunas, Lithuania


PDF


OBIETTIVO: Sia la fisiologia che le scienze dello sport si interessano al legame tra l’insorgere della spossatezza e la prestazione fisica. Questo studio testa l’ipotesi che l’interazione dinamica delle variazioni nel rapporto tra gli intervalli di RR e di JT nell’ECG possa essere utile per definire lo stato di spossatezza durante l’esercizio.
METODI: Ci siamo avvalsi di due studi per simulare diversi stati funzionali e per identificare le peculiarità di questa interazione, e per identificare fattori utili alla valutazione precisa dello stato funzionale. Hanno preso parte al primo studio diciassette atleti; dodici atleti sono stati arruolati invece in un secondo studio. Il test è stato condotto per mezzo di una cyclette, con la registrazione di un ECG a 12 derivazioni per analisi a posteriori.
RISULTATI: Il primo studio indica che quando il carico è maggiore, anche la differenza fra gli intervalli di JT e RR è più elevata (P<0,05). JT e RR non si sono intersecate all’inizio del test e per tutta la sua durata. Nel recupero, l´adattamento alla velocità non è ritornato al valore di partenza (P<0,05). Il secondo studio mostra che dopo carichi da 50W, 100W e 150W, l´intervallo di RR supera il recupero dell´intervallo JT, ma dopo un carico da 200W, il recupero dell´intervallo JT è stato statisticamente superiore al recupero dell´intervallo di RR (P<0,05). Dopo carichi da 50W, 100W e 150W, l´indice di recupero della velocità d'adattamento è stato negativo rispetto ai valori di partenza (P<0.05), ma dopo 200W è tornato ad un valore positivo (P<0.05).
CONCLUSIONI: Lo studio conferma l´ipotesi che l´accumularsi del senso di spossatezza, causato dall'esercizio, possa essere valutato mediante l´analisi della dinamica degli intervalli di JT e RR, durante la fase di recupero veloce.


KEY WORDS: Fatica; Elettrocardiografia; Forma fisica

inizio pagina