Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 December;72(4) > Medicina dello Sport 2019 December;72(4):609-15

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

EXERCISE PRESCRIPTION AREA   

Medicina dello Sport 2019 December;72(4):609-15

DOI: 10.23736/S0025-7826.19.03549-X

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetti dell’esercizio fisico e delle attività cognitivo-ricreazionali sulla qualità di vita negli anziani

Davide M. CAMMISULI, Augusto INNOCENTI, Gessica MERENDA, Rosalba VOLPE, Carlo PRUNETI

Laboratories of Clinical Psychology, Clinical Psychophysiology, and Clinical Neuropsychology, Department of Medicine and Surgery, University of Parma, Parma, Italy


PDF


OBIETTIVO: Ad oggi, pochi studi hanno confrontato gli effetti di diversi livelli di attività fisica (PA) mentre non è stato eseguito nessuno studio per valutare direttamente l’attività cognitivo-ricreazionale, come giocare a carte, sulla cognizione negli anziani. Il nostro studio mirava a valutare gli effetti dell’attività fisica e dell’attività cognitivo-ricreativa sulla qualità della vita degli anziani con abitudini diverse.
METODI: I partecipanti (75 maschi sani, età media 72,1±4,1) sono stati divisi in quattro sottogruppi, in base ai livelli di attività fisica (moderata versus alta intensità) e all’impiego del tempo libero (attività cognitivo-ricreazionali come giocare a carte versus nessun hobby). Ai partecipanti è stato somministrato il 36-item Short Form Survey (SF-36). È stato calcolato anche il Mediterranean Adequacy Index (MAI). Un’analisi di regressione multipla è stata eseguita per valutare l’influenza dell’attività fisica moderata e ad alta intensità e dell’attività cognitivo-ricreativa sulle dimensioni del questionario SF-36.
RISULTATI: I quattro gruppi non hanno mostrato alcuna differenza significativa rispetto all’indice MAI. Sia l’attività fisica moderata che ad alta intensità influenza tutte le dimensioni del questionario SF-36, ad eccezione delle limitazioni di ruolo legate a problemi fisici ed emozionali. Tra i soggetti sedentari, coloro che giocano a carte hanno mostrato un’influenza positiva della loro attività su alcune dimensioni del questionario SF-36, ma minore rispetto ai gruppi che praticano attività fisica a diversi livelli.
CONCLUSIONI: L’attività fisica è uno dei principali approcci costo-efficacia per mantenere la salute negli anziani. Un’attività fisica di intensità moderata è di per sé sufficiente ad incrementare alcune dimensioni della qualità della vita.


KEY WORDS: Attività fisica; Invecchiamento; Qualità di vita

inizio pagina