Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 December;72(4) > Medicina dello Sport 2019 December;72(4):524-39

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

MEDICAL AREA   

Medicina dello Sport 2019 December;72(4):524-39

DOI: 10.23736/S0025-7826.19.03572-5

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Relazione tra attività fisica e fattori di rischio cardio-metabolico negli adulti

Eyitayo O. OWOLABI, Daniel T. GOON

Department of Nursing Science, University of Fort Hare, East London Campus, East London, South Africa


PDF


OBIETTIVO: Lo scopo del presente studio è stato esaminare la relazione tra un’attività fisica da moderata a intensa e il rischio cardio-metabolico in adulti frequentanti ambulatori di strutture sanitarie scelte nella municipalità metropolitana di Buffalo City in Sudafrica.
METODI: Il presente studio trasversale ha coinvolto 998 adulti della città di East London, nella municipalità metropolitana di Buffalo City in Sudafrica. Per la raccolta dei dati è stato usato il questionario dell’OMS con approccio STEPwise. Sono state prese le misure dell’altezza, del peso, della pressione arteriosa e della glicemia a digiuno.
RISULTATI: La prevalenza dell’obesità era inferiore tra i partecipanti che praticavano attività fisiche di forte intensità (21,7%) e di moderata intensità (19%). Per i partecipanti che non praticavano attività di moderata intensità, definita secondo i criteri dell’OMS come attività di ≥150 minuti/settimana, è stata riscontrata una prevalenza superiore di ipertensione (53,9%). I partecipanti che non praticavano attività di moderata o forte intensità presentavano una maggiore prevalenza di diabete, rispettivamente 28% e 25,4%, così come coloro che non hanno soddisfatto i criteri dell’OMS relativi ad attività di moderata intensità (sul lavoro e negli spostamenti), rispettivamente 27,2% e 28,4%.
CONCLUSIONI: L’obesità, l’ipertensione e il diabete sono significativamente associati a un’attività di moderata intensità (lavoro, sport e svago) e a un’attività fisica da almeno cinque a sette giorni a settimana. Vista la scarsa partecipazione delle donne all’attività fisica, si rivelano necessarie misure in merito volte a informarle ed educarle.


KEY WORDS: Attività fisica; Obesità; Ipertensione; Diabete mellito; Adulto; Sud Africa

inizio pagina