Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 September;72(3) > Medicina dello Sport 2019 September;72(3):395-403

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

ORTHOPEDIC AREA   

Medicina dello Sport 2019 September;72(3):395-403

DOI: 10.23736/S0025-7826.19.03333-7

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetto dello stretching statico antagonista passivo sulla forza muscolare dei flessori del ginocchio

Filipe R. MENDONÇA 1 , Waynne F. de FARIA 1, Paula R. da SILVA 1, Melissa ANTUNES 2, Rui G. MARQUES ELIAS 1, Antonio STABELINI NETO 1, Claudinei F. dos SANTOS 1

1 Health Sciences Center, Faculty of Physical Education, State University of Northern Paraná, Jacarezinho, Brazil; 2 Laboratory of Metabolism, Nutrition, and Exercise, Physical Education and Sports Center, Londrina State University, Londrina, Brazil


PDF


OBIETTIVO: Lo stretching statico della muscolatura agonista è ampiamente utilizzato per la preparazione degli sportivi a sport differenti, sebbene sia stato dimostrato che influisca negativamente sulla forza muscolare. D’altronde lo stretching statico antagonista dovrebbe essere studiato maggiormente, per analizzarne la funzione. L’obiettivo dello studio è stato confrontare il momento torcente (peak torque, PT) e il lavoro totale (total work, TW) dei flessori del ginocchio senza allungamento (controllo) e dopo stretching statico (quadricipiti).
METODI: Questo studio ha visto la partecipazione di 14 uomini di giovane età (24,28±4,48 anni), sportivi pratici di allenamento di resistenza, i quali si sono recati presso il laboratorio per tre volte; la prima volta per rilevamento delle misure antropometriche, della composizione corporea e per far pratica con il test isocinetico. Nelle due visite successive, ai volontari è stata assegnata in maniera random l’esecuzione di un test isocinetico, suddividendoli in un gruppo di stretching statico antagonista (GSS) e in un gruppo controllo (GC). Il test ha previsto quattro sessioni con 10 ripetizioni e un intervallo da 90 secondi tra le serie. Lo stretching statico antagonista (SS) è durato per 30 secondi. Per il confronto fra gruppi è stata usato il test ANOVA per misure ripetute.
RISULTATI: Non vi è stata alcuna differenza significativa tra le condizioni (P>0,05), solo un effetto significativo delle serie su PT (F=14,10, P<0,001) e TW (F=23,41, P<0,001).
CONCLUSIONI: Lo SS fra le serie non ha influenzato la prestazione agonistica della forza muscolare isocinetica in questo studio.


KEY WORDS: Esercizi di distensione muscolare; Forza muscolare; Dinamometro per misurare la forza muscolare; Fatica muscolare; Allenamento di resistenza

inizio pagina