Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 September;72(3) > Medicina dello Sport 2019 September;72(3):344-54

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PHYSIOLOGICAL AREA   

Medicina dello Sport 2019 September;72(3):344-54

DOI: 10.23736/S0025-7826.19.03429-X

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Analisi della correlazione tra la variabilità della frequenza cardiaca e il suo recupero dopo un esercizio intermittente ad alta intensità

Shen WANG 1, 2, 3 , Jingwen LIAO 2, Min HU 1, 2

1 School of Kinesiology, Shanghai University of Sport, Shanghai, China; 2 Scientific Research Center, Guangdong Provincial Key Laboratory of Sports and Health Promotion, Guangzhou Sport University, Guangzhou, China; 3 Department of Sports and Health, Guangzhou Sport University, Guangzhou, China


PDF


OBIETTIVO: La variabilità della frequenza cardiaca (VFC) come indicatore del controllo cardiaco autonomo riscuote sempre maggiore attenzione. Negli ultimi dieci anni, la ricerca sulla VFC nello sport si è sviluppata rapidamente.
METODI: Questo studio tratta principalmente la correlazione tra la VFC e il recupero della frequenza cardiaca dopo un esercizio intermittente ad alta intensità. I 50 soggetti partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi che svolgevano esercizi a bassa intensità sulla piattaforma, due gruppi che svolgevano esercizi di moderata intensità e un gruppo quelli ad alta intensità. La VFC nel recupero a 30 minuti è stata analizzata secondo la Trasformata di Fourier a tempo breve.
RISULTATI: È emerso che l’HFP (High Frequency Power, Potenza ad alta frequenza) dei 3000 m ad alta intensità (3000 HI) e dei 3000 m a moderata intensità (3000 MI) durante il recupero acuto di 5 minuti era inferiore a quella dei 3000 m a bassa intensità (3000 LI). Non è stata riscontrata alcuna differenza tra il primo, il quarto e il quinto minuto durante il periodo di recupero, con valori superiori rispetto a quando si concludeva il movimento.
CONCLUSIONI: L’intensità dell’esercizio influiva sul livello di VFC dopo l’esercizio, ma la VFC non aveva alcun effetto sulla distanza motoria.


KEY WORDS: Frequenza cardiaca; Allenamento intervallato ad alta intensità; Test ergometrico

inizio pagina