Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 September;72(3) > Medicina dello Sport 2019 September;72(3):331-43

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PHYSIOLOGICAL AREA   

Medicina dello Sport 2019 September;72(3):331-43

DOI: 10.23736/S0025-7826.19.03383-0

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Perdita della precisione del movimento nella scherma, a causa della stanchezza da esercizio fisico

Mateusz WITKOWSKI 1 , Krzysztof KARPOWICZ 2, Maciej TOMCZAK 2, Michał BRONIKOWSKI 2

1 Adam Mickiewicz University, Poznan, Poland; 2 University School of Physical Education, Poznan, Poland


PDF


OBIETTIVO: L’esercizio fisico è uno dei fattori che influenzano le funzioni corporee. Abbiamo cercato di determinare la relazione fra l’abilità nel mantenere la precisione e il controllo dei movimenti, e la quantità di esercizio e conseguente stanchezza nella scherma.
METODI: Lo studio ha coinvolto 20 schermitrici, suddivise in due gruppi, basati sul loro livello di esperienza sportiva. Nel gruppo A (N.=10) abbiamo incluso schermitrici polacche di alto livello, membri della squadra olimpica (età: M=19,90, DS=2,64); il gruppo B (N.=10) è stato formato da schermitrici polacche della squadra nazionale di scherma, ma non membri della squadra olimpica (età: M=18,30, DS=2,16). In questo studio, il test per determinare la capacità di resistenza nelle schermitrici (25) è stato modificato per determinare l’accuratezza dei colpi di scherma. Sono state misurate l’accuratezza e la durata dei colpi di scherma ed è stata determinata la concentrazione del lattato nel sangue (LA), prima (a riposo), durante (dopo 3 minuti, 6 minuti e 9 minuti) e dopo il test specifico di capacità di resistenza (dopo 10 minuti).
RISULTATI: L’analisi dei risultati ottenuta in un test di accuratezza (precisione dei movimenti) ha indicato che iltempo di realizzazione dell’azione è stato significativamente più breve dopo 3 minuti (P<0,01) e alla fine del test (P<0,001) durante il test di resistenza (esercizio fisico incrementale) nel gruppo con il livello più alto di esperienza sportiva (gruppo A), rispetto al gruppo B. Non vi sono state differenze significative fra i gruppi a riposo. Non ci sono state differenze significative nel tempo di realizzazione dell’azione nel gruppo A, durante il test di accuratezza. Nel gruppo B, tuttavia, il tempo di realizzazione dell’azione è stato significativamente maggiore alla fine del test, rispetto al valore a riposo (P<0,01).
CONCLUSIONI: Lo studio ha descritto risposte fisiologiche simili dell’organismo alla stanchezza crescente, sia nelle atlete con maggior esperienza che in quelle meno esperte. Tuttavia, la capacità delle schermitrici a elevata prestazione di mantenere precisione e controllo del movimento non è stata influenzata dall’esercizio fisico. Inoltre le schermitrici ad alta prestazione hanno continuato a essere maggiormente precise durante i vari momenti dell’esercizio, rispetto alle atlete a minor prestazione.


KEY WORDS: Performance atletica; Esercizio di resistenza; Esercizio fisico

inizio pagina