Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 March;72(1) > Medicina dello Sport 2019 March;72(1):164-70

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Medicina dello Sport 2019 March;72(1):164-70

DOI: 10.23736/S0025-7826.19.03478-1

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Incidentaloma mediastinico in un calciatore professionista, diagnosticato mediante Risonanza Magnetica Whole Body

Silvana GIANNINI 1 , Arrigo GIOMBINI 2, Chiara FOSSATI 2, Antonello CICCARELLI 2, Fabio PIGOZZI 2

1 Department of Diagnostic Imaging, Villa Stuart Sports Clinic, FIFA Excellence Center, Rome, Italy; 2 Unit of Sports Medicine, Department of Movement, Human and Health Sciences, “Foro Italico” University of Rome, Rome, Italy


PDF


La risonanza magnetica whole-body (WB-MRI) è una tecnica diagnostica esistente da tempo, ma solo di recente è divenuta un esame strumentale molto efficiente per lo screening globale dell’intero corpo dalla testa ai piedi. Questa metodica trova applicazione in particolare nella patologia sistemica muscolo-scheletrica, nella patologia oncologica e non oncologica; è in grado di identificare minime lesioni o alterazioni patologiche in tessuti normali, riducendo i tempi di acquisizione delle immagini. Nel presente studio riportiamo il caso di un calciatore professionista, giunto alla nostra osservazione dopo un trauma da contatto occorso durante una partita, a cui, attraverso la tecnica WB-MRI, è stato possibile diagnosticare incidentalmente un linfoma mediastinico di Hodgkin


KEY WORDS: Risonanza magnetica whole-body - Mediastinico surrenale - Linfoma di Hodgkin

inizio pagina