Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 March;72(1) > Medicina dello Sport 2019 March;72(1):89-102

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

EXERCISE PRESCRIPTION FOR HEALTH   

Medicina dello Sport 2019 March;72(1):89-102

DOI: 10.23736/S0025-7826.19.03479-3

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Influenza dell’attività fisica e dello stile di vita sullo stato nutrizionale e sulla prevenzione cardiovascolare degli adolescenti in campagna

Marco A. PERRONE 1, 2, 3 , Giovanni CAPRIA 4, Cristina BELFIORE 4, Chiara SALIMEI 4, Sara PARRETTINI 4, Iole FANTOZZI 4, Francesco NICOLETTI 4, Bruno DONATUCCI 5, Annamaria SALVATI 5, Francesco ROMEO 1, Sergio BERNARDINI 2, 3, Antonino DE LORENZO 4

1 Division of Cardiology, Tor Vergata University, Rome, Italy; 2 Division of Clinical Biochemistry and Clinical Molecular Biology, Tor Vergata University, Rome, Italy; 3 University Sports Centre, Tor Vergata University, Rome, Italy; 4 Division of Clinical Nutrition and Nutrigenomic, Tor Vergata University, Rome, Italy; 5 Division of Sport Medicine, Tor Vergata University, Rome, Italy


PDF


OBIETTIVO: L’obiettivo di questo studio è stato valutare lo stato nutrizionale e la prevenzione cardiovascolare degli adolescenti e dei loro genitori, oltre all’influenza dell’attività fisica e delle abitudini alimentari, in campagna.
METODI: Lo stato nutrizionale è stato valutato misurando peso, statura, indice di massa corporea (BMI), pressione sanguigna, circonferenza vita-fianchi e grasso corporeo con pliche. Le abitudini alimentari sono state valutate mediante questionario della frequenza alimentare per ottenere due gruppi, uno più vicino alla dieta mediterranea e l’altro alla dieta occidentale. Sono stati anche utilizzati questionari per valutare l’attività fisica e l’ambiente familiare.
RISULTATI: Nessuna differenza è stata trovata nei dati antropometrici e di composizione corporea tra i due cluster, ma è stata osservata un’associazione tra il BMI degli adolescenti e l’ambiente familiare. L’attività fisica non curriculare è in grado di prevenire l’aumento di peso.
CONCLUSIONI: Per ridurre l’effetto negativo degli elementi obesogenici e per promuovere l’attività fisica non curriculare e curricolare nelle campagne sono necessarie misure sanitarie.


KEY WORDS: Attività fisica - Stato nutrizionale - Sport - Adolescenti - Malattie cardiovascoliari - Prevenzione e controllo

inizio pagina