Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 March;72(1) > Medicina dello Sport 2019 March;72(1):25-36

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PHYSIOLOGICAL AREA   

Medicina dello Sport 2019 March;72(1):25-36

DOI: 10.23736/S0025-7826.19.03381-7

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Il miglioramento acuto delle prestazioni di salto dopo diversi stimoli pliometrici nei ginnasti di alto livello è associato al potenziamento post-attivazione

George C. DALLAS , Costas G. DALLAS, Charilaos TSOLAKIS

School of Physical Education and Sport Science, National and Kapodistrian University of Athens, Athens, Greece


PDF


OBIETTIVO: Poche ricerche hanno esaminato l’effetto di diversi tipi di esercizi pliometrici (tipici vs. specializzati) impiegati come parte del riscaldamento o come un complesso potenziante della forza-potenza. Pertanto, lo scopo di questo studio è stato quello di esaminare gli effetti di un tipico e uno specializzato protocollo pliometrico sul verificarsi di effetti di potenziamento post-attivazione (PAP) sulle prestazioni del drop jump (DJ).
METODI: Trentacinque ginnasti artistici maschili e femminili di alto livello hanno partecipato a questa indagine. Tutti hanno eseguito un DJ prima e dopo due diversi stimoli condizionanti; il primo consisteva in 10 ripetizioni di uno specifico esercizio ginnico (Rondat) e il secondo consisteva in 2 set di 5 ripetizioni di tuck jump. L’altezza del DJ, il tempo di contatto e la potenza delle gambe sono stati valutati prima, subito dopo e a 3, 6 e 9 minuti dopo lo stimolo di condizionamento.
RISULTATI: L’altezza del DJ è notevolmente aumentata nelle misurazioni dopo il salto nei ginnasti maschili e femminili (P<0,05). Inoltre, il tempo di contatto del DJ è stato significativamente diverso subito dopo, e dopo 6 e 9 minuti dopo l’intervento nei maschi (P<0,05), ma solo subito dopo e dopo 9 minuti nei ginnasti femmine (P<0,05). I ginnasti di entrambi i sessi hanno risposto in modo simile agli interventi con i ginnasti maschi che hanno mostrato maggiori capacità di potenziamento in altezza DJ rispetto alle femmine (P=0,001).
CONCLUSIONI: I risultati del presente studio sostengono che il ginnasta di alto livello deve includere protocolli simili nelle procedure di riscaldamento per migliorare le prestazioni di salto.


KEY WORDS: Ginnastica - Esercizi pliometrici - Performance atletica

inizio pagina