Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2019 March;72(1) > Medicina dello Sport 2019 March;72(1):1-11

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PHYSIOLOGICAL AREA   

Medicina dello Sport 2019 March;72(1):1-11

DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03403-8

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetti a posteriori di diversi metodi d’allenamento di resistenza sui parametri glicemici ed emodinamici

Jéssica S. GIOLO 1, Lucas B. SANTOS 1, Cristiano L. de BARROS 1, João E. NUNES 1, Hugo A. SANTANA 2, Sérgio R. MOREIRA 3, Gisela ARSA 4, Guilherme M. PUGA 1

1 Department of Physical Education, Federal University of Uberlândia (UFU), Uberlândia, Brazil; 2 Federal University of Mato Grosso do Sul (UFMS), Campo Grande, Brazil; 3 Federal University of Vale do São Francisco (UNIVASF), Petrolina, Brazil; 4 Federal University of Mato Grosso (UFMT), Cuiabá, Brazil


PDF


OBIETTIVO: Gli studi hanno già dimostrato i benefici dell’esercizio fisico, ma pochi di essi hanno valutato gli effetti dell’allenamento di resistenza sull’andamento del glucosio e della pressione sanguigna. Lo scopo del presente studio è stato analizzare la risposta glicemica e pressoria in seguito a diversi metodi di allenamento di resistenza.
METODI: Diciotto uomini giovani e in buona salute (23±1 anni; 24±0,5 kg/m2) con esperienza d’allenamento di resistenza hanno eseguito tale metodi: drop set (DS), rest pause (RP) e tre sessioni da quindici ripetizioni (3×15) sulla panca piana (BP) ed esercizi squat (Sq), in ordine casuale e in giorni diversi. La pressione sanguigna e la frequenza cardiaca sono state monitorate a riposo e nei 60 minuti dopo l’esercizio (15’, 30’, 45’, 60’). Il glucosio ematico è stato analizzato a riposo (digiuno) e subito dopo gli esercizi.
RISULTATI: L’area sottesa alla curva della pressione sanguigna sistolica (SBP) nel metodo DS indica una maggiore riduzione in confronto al metodo RP (DS: -479±106 vs. RP: -64±93 vs. 3×15: -249±91 mmHg·60 min; P<0,05) dopo esecuzione di BP. Inoltre, il metodo DS ha ridotto SBP dopo allenamento BP in tutte le misurazioni (da 15’ a 60’) rispetto al riposo (P<0,05). La pressione sanguigna diastolica (DBP) è stata inferiore nel metodo DS in tutte le misurazioni (da 15’ a 60’) dopo allenamento Sq e nel metodo 3×15, dopo allenamento BP, in confronto al riposo (P<0.05). Il glucosio nel sangue è calato subito dopo l’allenamento con metodo DS (pre: 94,2±3,3 vs. post: 82,7±2.2 mg/dl; P<0,05) e RP (pre: 94,1±2,7 vs. post: 85,9±2,2 mg/dl; P<0,05).
CONCLUSIONI: Il metodo DS promuove una riduzione più duratura e più intensa di SBP in confronto al metodo RP su BP. Inoltre, abbiamo riscontrato un’ipotensione post-allenamento di DPB per 60’ dopo l’esecuzione del metodo DS rispetto a SQ e dopo l’esecuzione del metodo 3×15 su BP. La glicemia si è ridotta subito dopo il metodo DS ed il metodo RP, eseguito su BP.


KEY WORDS: Allenamento contro resistenza - Pressione sanguigna - Glicemia

inizio pagina