Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2018 December;71(4) > Medicina dello Sport 2018 December;71(4):591-603

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

EXERCISE PRESCRIPTION FOR HEALTH   

Medicina dello Sport 2018 December;71(4):591-603

DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03448-8

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetto della supplementazione con L-arginina sulla funzione neuromuscolare

Nicola DI DANIELE 1, Maurizio CASASCO 2 , Annalisa NOCE 1, Massimo SACCHETTI 3, Antonio GIANFELICI 2, Valentina ROVELLA 1, Attilio PARISI 3

1 Unit of Internal Medicine-Center of Hypertension and Nephrology, Department of Systems Medicine, Tor Vergata University, Rome; Italy; 2 Italian Federation of Sports Medicine, Rome, Italy; 3 Department of Movement, Human and Health Sciences, University of Rome Foro Italico, Rome, Italy


PDF


OBIETTIVO: Il presente studio ha testato l’ipotesi che la supplementazione orale con L-arginina possa influire positivamente sulla funzione neuromuscolare dell’arto superiore e sulla prestazione durante esercizio affaticante in soggetti sani giovani e adulti di mezza età.
METODI: Secondo un disegno incrociato randomizzato in doppio cieco, 10 soggetti maschi giovani (Y; 23.4±3.0 anni) e 10 adulti (A; 54.3±6.2 anni) hanno assunto L-arginina (ARG, 5 g/die per 7 gg) oppure placebo (PLA). A seguito della supplementazione è stata valutata la relazione forza- velocità e la resistenza dei muscoli flessori del braccio durante contrazioni isocinetiche, e la velocità di conduzione media delle fibre muscolari (MFCV) del muscolo bicipite brachiale mediante EMG di superficie. È stata infine valutata la prestazione durante un test di sprint ripetuti su cicloergometro.
RISULTATI: La forza dei flessori del braccio è rimasta invariata nei giovani mentre è aumentata negli adulti alle velocità angolari più elevate (120 e 240 °/s), senza variazione significativa della MFCV. La resistenza durante test affaticante non ha subito variazioni nei giovani mentre è aumentata negli adulti, analogamente a quanto osservato durante il test di sprint ripetuti.
CONCLUSIONI: La supplementazione con L-arginina, nella dose testata, influenza positivamente la prestazione muscolare e la resistenza all’affaticamento di individui adulti sani di mezza età mentre non produce effetti significativi in quelli più giovani.


KEY WORDS: Arginina - Elettromiografia - Forza muscolare - Fatica muscolare

inizio pagina