Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2018 September;71(3) > Medicina dello Sport 2018 September;71(3):474-89

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

MEDICINA DELLO SPORT... PER SPORT   

Medicina dello Sport 2018 September;71(3):474-89

DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03397-5

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Diffusione del “WADA’s outreach model on antidoping” nello sport giovanile

Federica FAGNANI , Fabio FAIOLA, Gabriele TOMASSI, Alessandra DI CAGNO, Fabio PIGOZZI, Paolo BORRIONE

Unit of Sports Medicine, Division of Health Sciences, Department of Movement, Human Sciences and Health, “Foro Italico” University of Rome, Rome, Italy


PDF


OBIETTIVO: Lo scopo del presente studio, è stato quello di promuovere in Italia un programma di sensibilizzazione contro il doping, denominato “WADA’s outreach model on antidoping” (World Anti-Doping Agency, WADA) come metodologia formativa considerata di elevata efficacia nello sport di élite, durante i Campionati Nazionali giovanili di diverse discipline sportive, nella fascia di età dai 14 ai 20 anni. Attraverso un’indagine conoscitiva abbiamo voluto: 1) valutare la conoscenza dei partecipanti sui rischi legati all’uso di sostanze dopanti e il loro atteggiamento riguardo i comportamenti illeciti; 2) valutare l’efficacia dell’iniziativa di sensibilizzazione; 3) sensibilizzare e formare i giovani atleti a una cultura dell’antidoping, attraverso il “WADA’s outreach model on antidoping” e il confronto diretto con gli esperti.
METODI: Sia nel primo sia nel secondo anno di ricerca, sono state predisposte delle stazioni di promozione del programma “WADA’s outreach model on antidoping” in 5 eventi nazionali giovanili di 5 discipline sportive diverse, nuoto, atletica leggera, arrampicata sportiva, pallavolo, pattinaggio di figura. I soggetti intervistati sono stati 831 (maschi=217 e femmine=269 nel 2016, e maschi=174 e femmine=171 nel 2017). Durante le giornate di gara, gli atleti e i loro allenatori sono stati valutati sulla loro conoscenza in materia di doping attraverso un gioco interattivo al computer, il “WADA outreach model on antidoping”, e attraverso un questionario. A ogni partecipante è stato poi somministrato un questionario di gradimento dell’iniziativa. È stata effettuata l’analisi descrittiva dei dati, relativa alle sottopopolazioni delle diverse discipline sportive nei due anni di indagine.
RISULTATI: Il punteggio del questionario ha evidenziato un sostanziale disaccordo circa l’utilizzo del doping nella popolazione sportiva giovanile. Gli allenatori hanno dimostrato una minor conoscenza dell’argomento rispetto agli atleti. Il 55% dei partecipanti ha dimostrato gradimento per l’iniziativa.
CONCLUSIONI: Il raggiungimento degli obiettivi prefissati ha confermato l’utilità dello studio sia in termini informativi che formativi.


KEY WORDS: Esercizio - Indagini e questionari - Prestazione atletica

inizio pagina