Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2018 September;71(3) > Medicina dello Sport 2018 September;71(3):393-404

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

MEDICAL AREA   

Medicina dello Sport 2018 September;71(3):393-404

DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03292-1

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Risposte metaboliche, immunitarie e infiammatorie a un test di capacità di sprint ripetuti utilizzando la spettrometria FT-IR su micro-campioni di sangue singolo: uno studio pilota

Mohamed A. SAID 1 , Lamya BEN NCIR 2

1 Department of Physical Education, College of Education, King Faisal University, Al-Hasa, Saudi Arabia; 2 Faculty of Sciences, Carthage University, Bizerte, Tunisia


PDF


OBIETTIVO: La capacità di sostenere sprint ripetuti (RSA) gioca un ruolo cruciale nel determinare il successo in molti sport di squadra. Sfortunatamente, diversi studi hanno ipotizzato che un esercizio fisico intenso potrebbe causare disturbi funzionali o addirittura qualche patologia. Questi inconvenienti sono spesso associati a diversi disturbi fisiologici e metabolici che possono ridurre le prestazioni sportive o addirittura determinare una interruzione dell’attività. Questo studio si prefiggeva di esaminare le risposte metaboliche, immunitarie e infiammatorie a un test di sprint ripetuti in individui allenati, utilizzando una determinazione mediante spettrometria FT-IR.
METODI: A undici calciatori di sesso maschile è stato chiesto di eseguire sei sprint di sei secondi ciascuno, con 24 secondi di recupero tra uno e l’altro. Sono stati raccolti due campioni di sangue, prima e immediatamente dopo lo sforzo, e mediante spettrometria FT-IR sono stati valutati 19 parametri relativi alle risposte metaboliche, immunitarie e infiammatorie.
RISULTATI: Questo studio ha evidenziato che il lavoro totale era correlato positivamente alla VO2max dei soggetti (r=0,74; P<0,05) e alla concentrazione di lattato (r=0,64; P<0,05). Sulla base dei risultati che abbiamo ottenuto le concentrazioni di glucosio, lattato, proteine, transferrina, Apo-A1, Apo-B, IgG, proteina C-reattiva, aptoglobina e proteina orosomucoide risultano aumentate; tuttavia, le concentrazioni di IgA e IgM diminuiscono in seguito a diversi sprint (P<0,001 per lattato e P<0,05 per il resto). Non sono stati rilevati cambiamenti significativi nelle concentrazioni di colesterolo, amminoacidi e albumina.
CONCLUSIONI: I nostri dati evidenziano che la capacità di sostenere sprint in modo ripetuto, con un breve intervallo di tempo di riposo, è correlata alla capacità del sistema aerobico di ripristinare l’energia ed eliminare il lattato durante i periodi di riposo. Sfortunatamente, il test RSA è spesso associato a diversi disturbi fisiologici e metabolici, che possono portare transitoriamente a un periodo di immuno-depressione e ad uno stato infiammatorio.


KEY WORDS: Consumo di ossigeno - Test di esercizio - Spettroscopia, trasformata di Fourier a infrarossi

inizio pagina