Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2018 September;71(3) > Medicina dello Sport 2018 September;71(3):370-92

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

MEDICAL AREA   

Medicina dello Sport 2018 September;71(3):370-92

DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03389-6

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetti benefici dell’attività fisica sulla sarcopenia uremica

Annalisa NOCE 1, Giulia MARRONE 1, 2, Valentina ROVELLA 1, Annalisa CUSUMANO 1, Nicola DI DANIELE 1 , Maurizio CASASCO 3

1 Department of Systems Medicine, UOC of Internal Medicine, Center of Hypertension and Nephrology Unit, Tor Vergata University, Rome, Italy; 2 PhD School of Applied Medical-Surgical Sciences, Tor Vergata University, Rome, Italy; 3 Italian Sports Medicine Federation (FMSI), Rome, Italy


PDF


La sarcopenia uremica induce un peggioramento del quadro clinico e della qualità di vita nel nefropatico e si associa ad un’aumentata mortalità e morbilità per tutte le cause. In particolare, in tale condizione clinica, si osserva l’atrofia delle fibre muscolari di tipo II. Per porre diagnosi di sarcopenia è necessario valutare la massa muscolare, la resistenza all’esercizio fisico e la forza muscolare. Attualmente per contrastare l’insorgenza e la progressione della sarcopenia si raccomanda nei nefropatici di svolgere livelli adeguati di attività fisica, che possono variare in relazione al grado di insufficienza renale e alle caratteristiche cliniche del paziente. Numerosi studi scientifici hanno evidenziato che l’attività fisica è in grado di migliorare, sia nei pazienti uremici in terapia conservativa che nei trapiantati, la forza e la resistenza all’attività aerobica senza aver alcun impatto sulla funzione renale. Nei dializzati, l’attività fisica programmata è in grado di aumentare la capacità aerobica, nello specifico gli esercizi intradialitici sembrerebbero favorire il metabolismo proteico, la capacità di rimozione delle tossine e conseguentemente l’efficienza dialitica. Oltre all’attività fisica, le strategie terapeutiche tradizionali utili nel miglioramento della sarcopenia comprendono: la supplementazione ormonale e vitaminica e i farmaci antinfiammatori. A tali supporti terapeutici si associano terapie non convenzionali come la stimolazione mitocondriale, l’uso di cellule staminali e la manipolazione genetica della famiglia del TGF-β.


KEY WORDS: Sarcopenia - Nefropatie - Attività fisica

inizio pagina