Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2018 June;71(2) > Medicina dello Sport 2018 June;71(2):190-202

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PHYSIOLOGICAL AREA   

Medicina dello Sport 2018 June;71(2):190-202

DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03107-1

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Requisiti in partita dei giocatori scelti preadolescenti di pallamano a squadre: studio preliminare

Nikola FORETIĆ 1 , Ognjen ULJEVIĆ 1, Marco CARDINALE 2, 3, Miodrag SPASIĆ 1

1 Department for Sport Games and Theory of Sport, Faculty of Kinesiology, University of Split, Split, Croatia; 2 Department of Sports Physiology, ASPIRE - Academy for Sports Excellence, Doha, Qatar; 3 Department of Computer Sciences, Institute of Sport Exercise and Health, University College London, London, UK


PDF


OBIETTIVO: Lo scopo dello studio è stato esaminare le risposte fisiologiche acute ed i loro rapporti con le caratteristiche fisiologiche di giocatori di pallamano preadolescenti di sesso maschile.
METODI: I test di laboratorio hanno compreso misurazioni antropometriche e spiroergometria. I dati dell’analisi delle variabili cinematiche sono stati ottenuti attraverso la registrazione delle attività in partita del giocatore e successivamente sono stati analizzati con un pacchetto software su ordinazione, sviluppato con Matlab. I dati della frequenza cardiaca (heart rate, HR) sono stati registrati tramite fasce toraciche. Sono stati raccolti campioni di sangue in 5 precisi momenti prestabiliti nel corso di 2 partite.
RISULTATI: Il Test t ed il coefficiente di correlazione del momento prodotto di Pearson sono stati utilizzati per esaminare le differenze ed il rapporto fra le variabili raccolte nello studio. L’analisi delle variabili cinematiche non ha mostrato differenze significative fra la distanza totale coperta dai giocatori nel primo (2220,50±162,85 metri) e nel secondo (2131,42±239,80 metri; ‘d’ di Cohen=0,43) tempo della partita; tuttavia le dimensioni dell’effetto sono state da lievi a moderate. È stato individuato un rapporto significativo moderato fra l’acido lattico nel sangue al termine del secondo tempo e la differenza nella distanza coperta fra il 2º ed il 1º tempo (r=0,50, P<0,05), ed un vasto rapporto fra acido lattico nel sangue misurato nel secondo tempo e la riduzione della velocità (r=0,75, P<0,05). I risultati del presente studio suggeriscono che la capacità aerobica in questo gruppo di atleti non è stata in grado di spiegare la distanza totale coperta durante una partita di pallamano.
CONCLUSIONI: Lo studio ha anche mostrato che i requisiti per giocare a pallamano a questa età sono differenti da quelli degli atleti adulti probabilmente per via delle capacità tecniche e tattiche.


KEY WORDS: Lattati - Adattamento fisiologico - Sport

inizio pagina