Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2018 June;71(2) > Medicina dello Sport 2018 June;71(2):174-89

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PHYSIOLOGICAL AREA   

Medicina dello Sport 2018 June;71(2):174-89

DOI: 10.23736/S0025-7826.17.03005-8

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetti dell’intensità dell’allenamento alla pressa per gambe sui sintomi di danneggiamento e indolenzimento muscolare nei soggetti di sesso maschile

Hamid ARAZI 1, Abbas ASADI 2

1 Department of Exercise Physiology, Faculty of Sport Sciences, University of Guilan, Rasht, Iran; 2 Roudbar Branch, Islamic Azad University, Roudbar, Iran


PDF


OBIETTIVO: Lo scopo del presente studio è stato esaminare gli effetti dell’allenamento alla pressa per gambe (LP) con differenti intensità sull’attività della creatinchinasi (CK), sulla concentrazione della proteina C-reattiva (CRP) e sull’indolenzimento muscolare (estensori e flessori del ginocchio).
METODI: Ventotto persone di sesso maschile non allenate sono state assegnate in modo randomizzato ad uno dei tre gruppi sperimentali; 60% di una ripetizione al massimo (1RM), 80% di 1RM, 100% di 1RM ed un gruppo di controllo. I partecipanti nei gruppi sperimentali hanno eseguito quattro serie di esercizi alla LP con massimo sforzo e ripetizioni fino a sfinimento su base volontaria. L’indolenzimento muscolare dell’estensore e del flessore del ginocchio, l’attività della CK e la concentrazione della CRP sono stati misurati al punto di riferimento e 24, 48 e 72 ore dopo l’allenamento. Anche la classificazione dello sforzo percepito (rating of perceived exertion, RPE) è stata misurata dopo ogni serie di esercizi per i gruppi sperimentali.
RISULTATI: L’indolenzimento muscolare, l’attività della CK e la concentrazione della CRP sono aumentati significativamente dopo l’allenamento alla LP, con aumenti maggiori per il gruppo al 100% di 1RM-LP rispetto agli altri gruppi (P<0,05). La RPE è aumentata progressivamente dalla serie 1 alla serie 4 (serie 1<2<3<4) e tale aumento è stato maggiore per il 100% di 1RM rispetto alle altre intensità (100%>80%>60%) (P<0,05).
CONCLUSIONI: Quanto riscontrato nel presente studio suggerisce che l’intensità dell’allenamento alla LP svolge un ruolo importante nei marcatori nel sangue di danneggiamento muscolare, indolenzimento muscolare e RPE.


KEY WORDS: Allenamento di resistenza - Mialgia - Distorsioni e sollecitazioni - Infiammazione - Dolore

inizio pagina