Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2018 March;71(1) > Medicina dello Sport 2018 March;71(1):114-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation, Official Journal of the European Federation of Sports Medicine Association
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,202


eTOC

 

CASE REPORT  


Medicina dello Sport 2018 March;71(1):114-8

DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03091-0

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Diagnosi ecografica della frattura dello scafoide: presentazione di un caso

Dayneri LEÓN VALLADARES 1 , Emilio VILLANUEVA CAJIGAS 2, Luis A. BARRIO MATEU 1, Alex PÉREZ LEÓN 1, Jesús BENÍTEZ LEÓN 3

1 Department of Physical Education and Sports, Faculty of Education and Humanities, University of Tarapaca, Arica, Chile; 2 Sports Medicine Institute, Havana, Cuba; 3 INDER, Hundred Fires, Cuba


PDF  


Tradizionalmente l’ecografia non è ritenuta adatta a documentare i cambiamenti nel periostio e nell’osso corticale, poiché producono un suono che ostacola lo studio della rifrazione. È pertanto richiesto l’utilizzo della tomografia a raggi X e della scintigrafia. Al fine di visualizzare la presenza e l’entità di una frattura dello scafoide e valutare la sensibilità degli ultrasuoni ad alta risoluzione nella diagnosi diretta di questa lesione, presentiamo qui il rapporto di un caso. Un paziente di 33 anni con manifestazioni di lesione traumatica acuta è stato valutato eseguendo radiografie, mediante le quali era però impossibile visualizzare la lesione allo scafoide carpale. È stata quindi utilizzata una ecografia digitale, con trasduttori a frequenza multipla da 6,5 a 10 MHz. La mano e il polso lesi e i controlaterali sono stati valutati dal lato palmare e dorsale, effettuando sezioni longitudinali, laterali e oblique. Attraverso lo studio ecografico è stato possibile rilevare la frattura dello scafoide, visualizzata come una discontinuità iperecogena della linea ossea corticale, accompagnata da una area di bassa ecogenicità nella zona periferica dell’osso corticale, che era correlata all’edema e alla presenza di fluido periarticolare.


KEY WORDS: Osso scafoide - Fratture ossee - Ecografia - Traumi e ferite - Dolore

inizio pagina

Publication History

Issue published online: March 29, 2018
Manuscript accepted: February 9, 2018
Manuscript received: March 5, 2017

Per citare questo articolo

León Valladares D, Villanueva Cajigas E, Barrio Mateu LA, Pérez León A, Benítez León J. Ultrasound diagnosis of scaphoid fracture: presentation of a case. Med Sport 2018;71:114-8. DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03091-0

Corresponding author e-mail

daynerileon1@gmail.com