Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2018 March;71(1) > Medicina dello Sport 2018 March;71(1):107-13

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Medicina dello Sport 2018 March;71(1):107-13

DOI: 10.23736/S0025-7826.18.03290-8

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetti di un protocollo motorio non-convenzionale su parametri funzionali, psicologici e cognitivi in pazienti affetti da sclerosi multipla

Elisa GRAZIOLI 1 , Giovanna BORRIELLO 2, Giuseppe CHIODI 3, Eliana TRANCHITA 1, Carlo MINGANTI 1, Claudia CERULLI 1, Attilio PARISI 1

1 Unit of Sport Medicine, Department of Movement, Human, and Health Sciences, Foro Italico University, Rome, Italy; 2 S. Andrea Hospital, Sapienza University, Rome, Italy; 3 Tor di Quinto Sports Center, Italian National Police, Rome, Italy


PDF


La sclerosi multipla (SM) è una malattia demielinizzante cronica del sistema nervoso centrale caratterizzata da disturbi nella conduzione nervosa. Tale patologia può provocare una vasta gamma di potenziali sintomi legati a diverse aree. Comunemente ai pazienti affetti da SM veniva sconsigliato qualsiasi sforzo fisico, specialmente l’attività motoria. La letteratura recente ha sempre più avvalorato l’ipotesi che uno specifico protocollo motorio ben strutturato potesse produrre effetti benefici in questi pazienti, sia dal punto di vista funzionale che psicologico, ma poco è stato studiato sulla sfera cognitiva. Questo case report intende studiare, valutare e caratterizzare gli effetti di un nuovo allenamento non convenzionale denominato WESet (Work&Balance Enhancement Setting Training Program), sull’area cognitiva, psicologica e funzionale e il possibile miglioramento della qualità della vita nei pazienti con SM. I dati rivelano che il protocollo WESet presentato potrebbe avere impatti positivi su tutte le aree valutate e di conseguenza sulla qualità della vita di questi pazienti. Tali risultati sono stati confermati da una diminuzione del punteggio della Expanded Disability Status Scale. Questo studio rappresenta un valido punto di partenza per convalidare gli effetti del protocollo WESet sulla qualità della vita nei pazienti con SM.


KEY WORDS: Patologie del sistema nervoso - Attività fisica - Qualità della vita

inizio pagina