Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2017 December;70(4) > Medicina dello Sport 2017 December;70(4):457-79

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,202


eTOC

 

MEDICAL AREA  


Medicina dello Sport 2017 December;70(4):457-79

DOI: 10.23736/S0025-7826.17.03155-6

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Fibrillazione e flutter atriale negli sportivi: meccanismi fisiopatologici, iter diagnostico terapeutico e giudizio di idoneità

Stefano CAMELIO 1, 2 , Ugo LUCIANI 1, 3, Fabio FAIOLA 1, 3, Antonella COTUGNO 1, 3, Giovanni VINETTI 1, 2, Matteo D'ELIA 1, 2, Maurizio CASASCO 1, 3, Gaetano BIANCHI 1, 3

1 Federazione Medico Sportiva Italiana (FMSI), Rome, Italy; 2 School of Sports Medicine, University of Brescia, Brescia, Italy; 3 Panathleticon, Brescia, Italy


PDF  


OBIETTIVO: Numerose evidenze in letteratura mostrano un aumentato rischio di sviluppare fibrillazione e flutter atriale nei praticanti attività sportive di endurance; tuttavia, a oggi, tale associazione è dibattuta e i meccanismi fisiopatologici che ne sono alla base non sono del tutto chiari. L’obiettivo dello studio era quello di affrontare una revisione critica della casistica di sportivi con fibrillazione o flutter atriale relativa al nostro Centro di Medicina dello Sport, indagando il possibile ruolo dell’attività sportiva nella genesi di queste aritmie.
METODI: Abbiamo preso in considerazione tutta la popolazione sportiva adulta con età ≥di 21 anni che, dal Gennaio 2006 al Febbraio 2017, ha eseguito la visita di idoneità sportiva agonistica presso il nostro Centro di Medicina dello Sport, identificando tutti i soggetti nei quali è stata posta una diagnosi di fibrillazione o flutter atriale. Abbiamo successivamente revisionato la documentazione clinica, escludendo dall’indagine coloro nei quali è stata riscontrata una condizione scatenante. Nei restanti casi, abbiamo identificato alcune caratteristiche che ci permettono di ipotizzare una possibile associazione fra l’aritmia e l’attività sportiva svolta.
RISULTATI: In un periodo di 10 anni e 2 mesi, su un totale di 21.191 sportivi (età media: 28,3±9,4 anni; 21-30 anni: 65,7%; 31-40 anni: 20,1%; ≥41 anni: 14,2%), in occasione delle visite di idoneità medico-sportive abbiamo riscontrato 7 soggetti con episodi parossistici o persistenti di fibrillazione o fibrillo-flutter atriale (prevalenza: 0,33‰); fra questi, in 6 casi non è stato possibile identificare una condizione scatenante.
CONCLUSIONI: Nella popolazione oggetto della nostra indagine la prevalenza della fibrillazione e del flutter atriale è molto esigua e, in considerazione delle caratteristiche del campione, non risulta confrontabile con altri dati di prevalenza presenti in letteratura. I possibili meccanismi fisiopatologici riscontrati sarebbero da riferire a varie combinazioni fra ipertono vagale e adrenergico, improvvisa riduzione del tono vagale, attivazione adrenergica e aumentato automatismo atriale. Nei casi descritti un’attività sportiva strenua e continuativa può aver predisposto all’insorgenza di tali aritmie.


KEY WORDS: Fibrillazione atriale - Flutter atriale - Medicina dello sport - Atleti

inizio pagina

Publication History

Issue published online: January 22, 2018
Manuscript accepted: November 3, 2017
Manuscript received: June 27, 2017

Per citare questo articolo

Camelio S, Luciani U, Faiola F, Cotugno A, Vinetti G, D’Elia M, et al. Atrial fibrillation and flutter in sportsmen: pathophysiological mechanisms, diagnostic-therapeutic process and judgement of eligibility. Med Sport 2017;70:457-79. DOI: 10.23736/S0025-7826.17.03155-6

Corresponding author e-mail

stefano.camelio@gmail.com