Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2017 December;70(4) > Medicina dello Sport 2017 December;70(4):410-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,202


eTOC

 

PHYSIOLOGICAL AREA  


Medicina dello Sport 2017 December;70(4):410-8

DOI: 10.23736/S0025-7826.17.03132-5

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Effetti dell'allenamento di forza e core stability versus allenamento di forza e aerobico a intensità controllata in soggetti over 65

Italo SANNICANDRO

Department of Clinical and Experimental Medicine, University of Foggia, Foggia, Italy


PDF  


OBIETTIVO: Lo studio si prefigge di descrivere gli effetti di due differenti tipologie di training destinati a soggetti over 65: un allenamento basato su forza e core stability versus un allenamento basato su forza ed attività aerobica ad intensità controllata.
METODI: Lo studio è stato condotto con adulti attivi (N.=65, 31 maschi, 34 femmine) suddivisi in modo random in 2 gruppi: il gruppo allenamento forza e core stability (GFC, N.=33) con età, peso e altezza medi rispettivamente di 66,4±1,9 anni, 63,4±2,8 kg e 169±3,5 cm; il gruppo allenamento forza ed allenamento aerobico a intensità controllata (GFA, N.=32) con età, peso e altezza medi rispettivamente di 66,2±1,8 anni, 64,1±6,5 kg e 170±3,2 cm. Il campione ha svolto per 8 settimane (3 sessioni settimanali) i due differenti training assegnati; prima e dopo il periodo di training (T0 e T1) è stata valutata la forza del distretto del core, la capacità di equilibrio statico, la forza degli arti inferiori e la resistenza aerobica.
RISULTATI: Il GFC ha evidenziato incrementi statisticamente significativi nelle prove di forza del core (P<0,01), nel test di equilibrio monopodalico su entrambi gli arti (P<0,001), nel test di forza degli arti inferiori (P<0,01) ed in quello di resistenza aerobica (P<0,001); il GFA ha mostrato incrementi prestativi significativi nella sola prova di resistenza aerobica (P<0,05). Il confronto tra GFC e GFA ha mostrato differenze significative in tutte le prove al T1 a favore del GFC.
CONCLUSIONI: Il soggetto over 65 risponde efficacemente alle sollecitazioni mirate al distretto del core con transfer e adattamenti positivi sulle capacità motorie condizionali e sull’equilibrio; è plausibile ipotizzare che tali contenuti debbano rientrare nei protocolli di attività motorie finalizzate all’incremento della capacità di equilibrio, alla stabilizzazione del tronco e, di conseguenza, nei programmi per la prevenzione delle cadute per i soggetti senior.


KEY WORDS: Allenamento funzionale - Equilibrio - Efficienza fisica

inizio pagina

Publication History

Issue published online: January 22, 2018
Manuscript accepted: October 13, 2017
Manuscript received: May 16, 2017

Per citare questo articolo

Sannicandro I. Effects of strength and core stability training versus strength and aerobic training in subjects aged over 65. Med Sport 2017;70:410-8. DOI: 10.23736/S0025-7826.17.03132-5

Corresponding author e-mail

italo.sannicandro@unifg.it