Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2017 September;70(3) > Medicina dello Sport 2017 September;70(3):299-306

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PHYSIOLOGICAL AREA   

Medicina dello Sport 2017 September;70(3):299-306

DOI: 10.23736/S0025-7826.17.02952-0

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Valutazione dell’intensità degli esercizi pliometrici tramite la scala di percezione dello sforzo

Kazem KHODAEI 1 , Abbas MOHAMMADI 2, Mohammad R. HAMEDINIA 3

1 Physical Education and Sport Sciences Faculty, Urmia University, Urmia, Iran; 2 Department of Physical Education, Islamic Azad University, Sabzevar Branch, Sabzevar, Iran; 3 Physical Education and Sport Sciences Faculty, Hakim Sabzevari University, Sabzevar, Iran


PDF


OBIETTIVI: Lo scopo del presente studio è stato quello di valutare e quantificare l’intensità degli esercizi pliometrici tramite la Scala di Percezione dello Sforzo (Ratings of Perceived Exertion, RPE).
METODI: Venti atleti si sono offerti volontariamente di eseguire 9 esercizi pliometrici con 10 ripetizioni. Gli intervalli di riposo tra ogni serie di esercizi duravano 3 minuti. Durante questo tempo, i partecipanti completavano il questionario di Borg RPE. Il protocollo prevedeva due prove con un intervallo di 48 ore. I valori medi di ciascun esercizio pliometrico eseguito nelle due sessioni di prove sono stati esaminati tramite l’Analisi della Varianza a misure ripetute a una via (ANOVA).
RISULTATI: I risultati hanno rivelato un significativo effetto principale per tutti gli esercizi. Il risultato del Test Post-Hoc ha indicato che il salto con la corda aveva un’intensità “molto leggera” e significativamente inferiore rispetto a tutti gli altri esercizi pliometrici. I salti dei birilli e lo squat jump avevano un’intensità “leggera” e significativamente inferiore rispetto agli altri tranne che al salto con la corda. Il salto raggruppato, quello della barriera, il box jump e il depth jump presentavano un’intensità “moderata” e significativamente inferiore rispetto al salto verticale con una sola gamba e al pike jump. Questi ultimi mostravano un’intensità “elevata” e significativamente maggiore rispetto a tutti gli altri esercizi.
CONCLUSIONI: I risultati del presente studio indicano che le risposte individuali agli esercizi pliometrici con la scala RPE come metodo fisiologico di valutazione erano più simili a quelle ottenute tramite metodi biomeccanici utilizzati negli studi precedenti. Questo metodo è economico e pratico ed è applicabile ad ampi gruppi e a vari esercizi pliometrici.


KEY WORDS: Esercizio pliometrico - Prestazione atletica - Muscoli

inizio pagina