Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2017 March;70(1) > Medicina dello Sport 2017 March;70(1):109-15

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

CASO CLINICO   

Medicina dello Sport 2017 March;70(1):109-15

DOI: 10.23736/S0025-7826.17.03094-0

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Motor imagery e riabilitazione di un calciatore professionista dopo riparazione chirurgica del legamento crociato anteriore: un caso clinico

Massimiliano MANGONE 1, Andrea BERNETTI 1, Marco PAOLONI 1, Raffaele CANONICO 2, Lucrezia TOGNOLO 1, Carmine ATTANASI 1, Arianna CRUCIANI 3, Federica ALVITI 1, Valter SANTILLI 1, Alfonso DE NICOLA 2

1 Department of Physical Medicine and Rehabilitation, Sapienza University of Rome, Rome, Italy; 2 Federico II University of Naples, Naples, Italy; 3 “Don Carlo Gnocchi” Foundation Onlus, Turin, Italy


PDF


Le lesioni del legamento crociato anteriore rappresentano uno dei principali infortuni a carico del sistema muscolo-scheletrico; sono la terza causa di infortunio negli atleti d’elite subito dopo le lesioni muscolari e le fratture. Generalmente è necessario iniziare il protocollo riabilitativo precocemente in modo da ottenere un recupero veloce della stabilità e della propriocezione articolare. Nella prima fase della riabilitazione, quando l’atleta non può ritornare in campo, possono essere utili le tecniche di “action observation” e “motor imagery”. Questo è un case report su un calciatore professionista di 24 anni che ha riportato una lesione del legamento crociato anteriore e del legamento collaterale mediale durante una partita di campionato. Durante il protocollo riabilitativo il giocatore è rimasto in stretto contatto con i compagni di squadra, rimanendo sul campo di gioco durante gli allenamenti ma non partecipandovi attivamente. Lo scopo era di applicare le tecniche di “motor imagery” e “action observation” per rinforzare l’effetto della riabilitazione e ridurre il tempo di recupero. Il follow-up è stato condotto mediante la valutazione della forza muscolare tramite test isocinetico e una valutazione computerizzata della postura utilizzando il sistema video-raster-stereografico “Formetric”. Al termine del programma riabilitativo il giocatore è ritornato all’attività sportiva in meno tempo rispetto ai tempi di recupero normali descritti in letteratura.


KEY WORDS: Legamento anteriore crociato - Riabilitazione - Forza muscolare

inizio pagina